A- A+
Economia
Ue, procedura d'infrazione all'Italia su credito ipotecario, pagamenti e...
(fonte Lapresse)

La Commissione Ue ha aperto una procedura d'infrazione contro l'Italia. Come scrive l'Ansa, la prima perche' non applica pienamente la direttiva Ue sul credito ipotecario, in particolare le disposizioni su liberta' di stabilimento, libera circolazione e vigilanza dei servizi degli intermediari del credito. L'obiettivo della direttiva, ricorda Bruxelles, e' aumentare la protezione dei consumatori nel settore dei mutui e promuovere la concorrenza, tra l'altro, aprendo i mercati nazionali agli intermediari. "Una maggiore concorrenza dovrebbe andare a vantaggio dei consumatori, consentendo una scelta piu' ampia e a costi inferiori", precisa Bruxelles. 

La seconda procedura d'infrazione contro l'Italia ha come motivazione quella di non essersi conformata alla direttiva sui ritardi di pagamento con "effetti negativi sulle aziende in quanto ne riducono la liquidita', ne impediscono la crescita e ostacolano la loro resilienza e la loro capacita' di diventare piu' ecologiche e piu' digitali". La direttiva sui ritardi di pagamento impone alle autorita' pubbliche di saldare le fatture entro 30 giorni (60 giorni nel caso degli ospedali pubblici). La Commissione ha inviato una lettera di messa in mora all'Italia, in quanto la normativa nazionale sulle spese di giustizia esclude dall'ambito di applicazione della direttiva il noleggio di apparecchiature per intercettazioni telefoniche nelle indagini penali. Per la Commissione "l'esclusione di tali transazioni" impedisce alle societa' di noleggio "di esercitare i diritti previsti dalla direttiva stessa". L'Italia ha 2 mesi per rispondere alla lettera e per adottare le misure necessarie, trascorsi i quali la Commissione potra' decidere di inviare un parere motivato.

La terza procedura d'infrazione contro l'Italia è stata avviata per non aver rispettato alcuni obblighi di notifica previsti dal regolamento sui servizi portuali pensato per "creare condizioni di parita' nel settore, fornire certezza giuridica agli operatori e creare un clima piu' favorevole per l'efficienza degli investimenti pubblici e privati". Il regolamento richiede agli Stati membri di prevedere una efficace procedura di gestione dei reclami e garantire che gli utenti del porto e le parti interessate siano informate su quali sono le autorita' competenti. Gli Stati membri sono inoltre tenuti a stabilire norme in materia di sanzioni in caso di violazione del regolamento. L'Italia, assieme a Croazia e Slovenia, non ha adempiuto pienamente agli obblighi di notifica, e ora ha due mesi per rispondere ai rilievi espressi dalla Commissione, trascorsi i quali la Commissione potra' inviare un parere motivato. 

Commenti
    Tags:
    procedura d'infrazioneprocedura infrazione italiaprocedura infrazione commissione
    S
    i più visti
    in evidenza
    Claudia, bomber di sfondamento La Romani fa 4 gol per l'Italia

    Wanda, Fico e... Gallery Vip

    Claudia, bomber di sfondamento
    La Romani fa 4 gol per l'Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

    Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.