A- A+
Economia

 

Ghizzoni Unicredit

UniCredit, i vertici rinunciano ai bonus. L'amministratore delegato, Federico Ghizzoni, e i top manager  fanno sapere di non voler accettare "in considerazione delle condizioni di quadro generale" al riconoscimento della retribuzione variabile legata ai risultati raggiunti dalla banca, che ha chiuso il 2012 con un utile di 865 milioni di euro. Lo hanno reso noto i vertici del gruppo al Cda.

Il Cda di Unicredit he deliberato di riconoscere solo al restante personale del gruppo il pagamento dei bonus, che sarà ridotto di circa il 50% per i manager 'executive', vale a dire i primi 115 del gruppo. Oltre l'80% degli incentivi - rende noto l'istituto - sarà differito negli anni successivi e sara' legato al raggiungimento di ulteriori condizioni di performance future. Il cda di oggi ha esaminato le valutazioni del comitato remunerazione sull'esercizio 2012 e le linee guida in materia di retribuzione variabile delle autorita' regolamentari.

Tags:
unicreditghizzoni

in evidenza
Renzi-Open, ispettori a Firenze Bravo Nordio, il commento

Annalisa Chirico debutta su Affari - GUARDA IL VIDEO

Renzi-Open, ispettori a Firenze
Bravo Nordio, il commento


motori
Mercedes svela il Concept del microcarvan EQT Marco Polo 100% elettrico

Mercedes svela il Concept del microcarvan EQT Marco Polo 100% elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.