A- A+
Economia
UniCredit/ Ghizzoni porta i profitti a 1,8 mld (+81%). Target confermati.

La macchina UniCredit torna a girare e così, nonostante la recessione che attanaglia ancora l'Italia, Federico Ghizzoni porta gli utili del gruppo nei primi nove mesi dell'anno a 1,83 miliardi di euro. Un'ottima performance (in tutte le divisioni del gruppo e il Rote annualizzato è stato del 6%, in linea con gli obiettivi.), perché i profitti sono in crescita dell'81,3% rispetto agli 1,01 miliardi del corrispondente periodo del 2013.  

Nel solo terzo trimestre l'utile netto è stato di 722 milioni di euro (+79%), ha fatto poi sapere il colosso di Piazzale Gae Aulenti che ha nominato anche il nuovo respoansabile dell'area Central East Europe: Carlo Vivaldi ha preso infatti il posto di Gianni Franco Papa, già designato lo scorso agosto vice direttore generale del gruppo e responsabile della Divisione corporate&investment banking (Cib)

"I risultati di gruppo del trimestre e dei primi nove mesi ci portano molto vicini al nostro obiettivo di utile netto di 2 miliardi di euro nel 2014, che confermiamo", ha spiegato un soddisfatto Ghizzoni. "Siamo molto contenti di questo andamento positivo - ha ggiunto il Ceo UniCredit - nonostante un contesto macroeconomico ancora difficile".

Il passaggio della vigilanza alla Bce sarà un cambiamento "certamente positivo" per la banca: "La nostra dimensione internazionale rappresenterà sempre di più un vantaggio competitivo", ha sottolineato il banchiere piacentino.

Entrando nel dettaglio della trimestrale, si vede però che i ricavi hanno mostrato una flessione del 3,9% a 16,9 miliardi e i costi dell'1,7% a 10,3 miliardi, mentre gli accantonamenti sui crediti sono scesi del 38% a 2,6 miliardi. Il margine operativo lordo è calato del 2,1% a 6,781 miliardi, mentre quello netto è cresciuto del 4% a 5,411 miliardi, con il risultato lordo dell'attività corrente salito del 10,7% a 5,244 miliardi.

Gli interessi netti sono aumentati del 4,6% a 9,238 miliardi, ma la voce di bilancio relativa ai dividendi e agli altri proventi su partecipazioni ha accusato un calo del 21,7% a 603 milioni. A fronte poi di commissioni nette cresciute del 4,8% a 5,525 miliardi, i ricavi da negoziazione sono scesi del 36% a 1,229 miliardi.
 
Per quanto riguarda la core bank, l'utile netto è cresciuto, sempre nei primi 9 mesi, del 13% a 3,1 miliardi e i ricavi dello 0,3% a 16,5 miliardi. I costi sono scesi dell'1,9% a 9,9 miliardi così come gli accantonamenti su crediti, calati del 20,7% a 1,4 miliardi, con il costo complessivo del rischio che si è attestato a 43 punti base.

il common equity tier 1 ratio 'fully loaded' al 30 settembre si è attestato a 10,4%, mentre il common equity tier 1 ratio 'transitional' è pari a 10,8%; il total capital ratio 'transitional' è al 14,9%. I ricavi dei nove mesi sono calati del 3,9% a 16,9 miliardi di euro e i costi totali dell'1,7% a 10,3 miliardi. In flessione anche il margine operativo lordo, sceso del 7,2% a 6,53 miliardi. I crediti alla clientela sono diminuiti nel periodo dello 0,7% a 420,8 miliardi; i nuovi crediti a medio-lungo termine erogati in Italia nel terzo trimestre sono ammontati a 2,8 miliardi, in crescita del 50,9% sul periodo luglio-settembre del 2013.

Tags:
unicreditghizzoni
i più visti
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro


casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.