A- A+
Economia
Usa, le elezioni di midterm si gicano sul petrolio

Si giocano anche sull'energia le elezioni americane di medio termine di domani che molti pronostici indicano come un "martedi' nero" per il presidente Barack Obama. In Louisiana, uno degli stati considerati in bilico su cui si concentra il grosso della partita , la sfida tra la democratica Mary Landrieu e il repubblicano Bill Cassidy, contribuira' a decidere il controllo del Senato e chi guidera' la relativa commissione sull'Energia e le Risorse Naturali il prossimo anno.

Cassidy accusa la Landrieu, attuale presidente della commissione, di non aver tradotto le promesse in fatti sulle priorita' del settore, a partire dalla pipeline Keystone XL. E se l'energia non appare in cima all'agenda nella sfida tra il democratico governatore di New York Andrew Cuomo e lo sfidante repubblicano Rob Astorino, al prossimo leader dello stato dell'Empire spettera' il compito di decidere se consetire il fracking. Cuomo ha rinviato la decisione finale all'esito del rapporto del Dipartimento della Salute atteso per dicembre mentre Astorino si e' dichiarato a favore delle trivellazioni.

E se in Texas - per la successione di Rick Perry - quella della democratica Wendy Davis contro il repubblicano Gregg Abbott si preannuncia come una pesante disfatta, a Denton, un sobborgo di Dallas, un referendum potrebbe sancire il bando del fracking come non era mai accaduto prima nello stato del petrolio.

Secondo i dati di Kantar Media Intelligence, nel rash finale della campagna, tra il 20 e il 26 ottobre scorsi, gli spot televisivi sull'energia e sull'ambiente collegati al rinnovo dei 33 (su 100) seggi senatoriali hanno superato quelli incentrati sull'Obamacare, sull'immigrazione o sulle spese pubbliche.

E i 14.888 passaggi pubblicitari rilevati erano equamente ripartiti tra repubblicani e democratici con, rispettivamente il 55% e il e il 45% degli spot sull'energia.

In Alaska, l'energia non puo' che giocare un ruolo di primo piano sia nella corsa per il senato e sia in quella per la guida dello stato. L'attuale governatore, il repubblicano Sean Parnel e' considerato un uomo vicino all'industria e i suoi sfidanti (Bill Walker, repubblicano diventato indipendente e il democratico Byron Mallott) lo hanno attaccato per aver tagliato le tasse sulla produzione di petrolio nel 2013.

In Colorado gli elettori decideranno se premiare o meno l'attuale governatore, il democratico John Hickenlooper, per aver coinvolto gruppi ambientalisti e popolazioni locali nelle commissioni sulle trivellazioni e per aver varato la legislazione piu' stringente del paese in termini di emissioni inquinanti legate all'estrazione e al trasporto di petrolio e gas con limitazioni (ed e' l'unico stato Usa) anche sul metano e non solo sul biossido di carbonio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
usamidtermpetrolioenergiaelezioni usa
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota BZ4X, il primo veicolo elettrico a batteria (BEV)

Toyota BZ4X, il primo veicolo elettrico a batteria (BEV)

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.