A- A+
Economia

 

obama giuramento (9)

Mentre i mercati tornano a scommettere sull'accordo sul tetto al debito americano, che senza un'intesa verrà raggiunto giovedì portando la prima economia mondiale al default tecnico, la situazione torna a complicarsi nei fitti rapporti tra i repubblicani e i democratici, da una parte e Congresso e la Casa Bianca, dall'altra. Dopo che i leader del senato statunitense hanno detto di aver trovato un accordo per alzare il tetto del debito e mettere così fine allo shutdown (la chiusura temporanea delle attività del governo statunitense partito il primo ottobre), alla Camera  non è assolutamente scontato che l'accordo passerà.

Gli esponenti repubblicani hanno infatti presentato un piano alternativo, che prevede anche diverse modifiche alla riforma sanitaria di Obama. Piano che la Casa Bianca ha appena respinto. In un comunicato stampa, la portavoce del presidente Amy Brundage ha definito la proposta "un ricatto". L'ultima proposta dei repubblicani serve solo ad accontentare un piccolo gruppo di repubblicani vicini al Tea party, che hanno già costretto una volta il governo alla paralisi. Mancano solo un paio di giorni al default, è il momento che la camera segua l'esempio del senato", ha detto la Brundage.

I deputati repubblicani hanno anticipato i tempi che sarebbero simili: riapertura dello Stato Federale sino al 15 gennaio e del debito sino al 7 febbraio. Però la Camera chiede misure più pesanti contro l'Obamacare: sospensione di 2 anni per le tasse legate alla riforma sanitaria e cancellazione dell'assistenza medica per i membri del Congresso e del governo. Ora il pallino torna in mano a Obama, che ha in programma un nuovo incontro con i leader repubblicani del Congresso. E intanto, secondo alcune indiscrezioni, le agenzie di rating sarebbero pronte ad abbassare il merito di credito sul debito degli Stati Uniti. Opzione che sarebbe disastrosa per gli States e per i mercati finanziari.

Tags:
usaobama

i più visti

casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.