A- A+
Economia

 

obama lp 500 2

Il miracolo dell'ultim'ora auspicato da Barck Obama non si è verificato, la Camera dei Rappresentanti a maggioranza repubblicana non ha approvato la legge di bilancio nella stessa versione gia' adottata dal Senato dominato dai democratici, e cosi' negli Stati Uniti alla mezzanotte ora di Washington, le 6 del mattino in Italia, per la prima volta da diciassette anni e' scattato lo 'shutdown': il blocco parziale delle attivita' dell'amministrazione federale.

Il direttore del Bilancio della Casa Bianca, Sylvia Mathews Burwell, ha cosi' ordinato alle agenzie federali d'intraprendere la chiusura "per mancanza di fondi", appena dieci minuti prima che il governo Usa rimanesse ufficialmente con le casse vuote. Non e' chiaro quanto a lungo potra' o dovra' protrarsi lo 'shutdown'.

Burwell ha sollecitato il Congresso ad approvare al piu' presto un bilancio di esercizio provvisorio, onde permettere ai ministeri di riprendere a funzionare "per il resto dell'anno fiscale", e "ripristinare l'operativita' dei servizi e dei programmi pubblici essenziali". Nel frattempo il democratico Harry Reid, leader della maggioranza al Senato, ha annunciato la sospensione dei lavori in aula fino alle 9,30 locali, le 15,30 italiane, quando i parlamentari del suo partito bocceranno formalmente l'ultima offerta della camera bassa, e dunque dei repubblicani, per il finanziamento delle attivita' governative.

E' stato rivolto alle Forze Armate il primo commento di Barack Obama sullo 'shutdown'. "Malauguratamente", ha affermato il presidente americano in un video realizzato dalla Casa Bianca per il network militare, "il Congresso non ha adempiuto le proprie responsabilita'. Non e' stato capace di approvare un bilancio e, come risultato, gran parte della nostra amministrazione adesso deve chiudere, fino a quando il Parlamento non tornera' a finanziarla".

Poco prima Obama aveva promulgato norme di emergenza che permetteranno comunque il pagamento dei salari per i militari che, ha sottolineato, continueranno il loro "normale" stato di servizio. "Garantiremo che abbiate cio' di cui avete bisogno per completare le vostre missioni", ha assicurato il capo della Casa Bianca. "Le minacce alla nostra sicurezza nazionale non sono cambiate, e ci occorre che siate pronti per qualsiasi evenienza".

Diverso, ha quindi avvertito il presidente, il discorso per quanto riguarda il personale civile delle Forze Armate, specie per quello adibito a mansioni non essenziali: in gran parte, infatti, non potra' essere piu' pagato. "So che i giorni a venire potrebbero significare una maggiore incertezza, ivi compresi possibili congedi", ha ammesso, "e so che questo arriva subito dopo i licenziamenti che molto tra voi hanno gia' dovuto sopportare in estate. Voi e le vostre famiglie", ha puntualizzato Obama, "meritate di meglio rispetto ai malfunzionamenti cui abbiamo assistito in Congresso. Continuero' ad attivarmi affinche' lo stesso Congresso faccia riaprire il nostro governo il piu' presto possibile, e vi faccia ritornare al lavoro quanto prima". Gli ha fatto eco Nancy Pelosi, capogruppo democratico alla camera bassa: "E' un giorno davvero triste nella storia del Congresso", ha osservato. Il primo 'shutdown' negli Usa dal genaio 1996 rischia di lasciare a casa ottocentomila dipendenti pubblici, e di costare all'erario oltre un miliardo di dollari.

Tags:
usashutdownbilancio
i più visti
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.