A- A+
Economia


Buone notizie per l'economia americana e per il presidente Obama: le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti sono scese nell'ultima settimana di 15.000 unità, a quota 320.000. Si tratta del livello più basso registrato dall'ottobre 2007, che riporta a tempi pre-crisi.

Il dato è positivo soprattutto perché inatteso rispetto alle stesse previsioni degli analisti. Secondo il Dipartimento del Lavoro Usa, la media delle ultime settimane, considerata un dato meno volatile, ha registrato un calo di 4 mila domande a 332 mila, segnando il livello più basso di richieste per i sussidi dal novembre del 2007 e la quinta flessione consecutiva. Al culmine della recessione, nell'aprile del 2009, le pratiche di sostegno alla disoccupazione erano in media 670 mila.

Quanto all'inflazione, i prezzi al consumo negli Stati Uniti in luglio sono saliti dello 0,2%. Si tratta del terzo aumento consecutivo e segue il +0,5% messo a segno in giugno. Al netto di energia e alimentari, l'inflazione è salita sempre dello 0,2%. Il dato è in linea con le stime degli analisti.

Tags:
usa
i più visti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.