A- A+
Economia
Veneto Banca, Consoli organizza i voli dalla Puglia e prepara la riconferma

di Andrea Deugeni
twitter@andreadeugeni

Si gioca tutto in due settimane: questa e la prossima, fino al 10 aprile, termine ultimo per presentare liste alternative per la nomina degli organi sociali per cui servono 500 firme di soggetti iscritti al libro soci da almeno 90 giorni. Dopodiché se non spunteranno altri azionisti interessati a ribaltare gli attuali assetti al vertice di Veneto Banca, Vincenzo Consoli, l'attuale amministratore delegato della Popolare di Montebelluna, si prepara ad incassare la riconferma per un altro mandato. Nonostante una gestione che non ha saputo scansare gli effetti della crisi e un'ispezione di Banca d'Italia che si è chiusa con una raccomandazione a rafforzare il patrimonio.

Sulla carta, la strada dovrebbe essere in salita a causa di più fattori. In primis, per i numeri di bilancio che nel 2013 sono stati in rosso per 96,1 milioni di euro (ben oltre le attese). Poi per i provvedimenti messi in cantiere che scontenteranno non poco i soci e i clienti (la conversione in azioni di un bond soft mandatory da 350 milioni di euro prometteva ai sottoscrittori elevati rendimenti e un aumento di capitale da 500 milioni di euro che li costringerà a mettere mano al portafoglio in un momento in cui la liquidità, anche nell'operoso Nordest, non eccede). In più, per la vendita della controllata Banca Intermobiliare, operazione ancora in corso, un fronte su cui difficilmente Consoli riuscirà a concretizzare a breve, presentandosi in assemblea con qualcosa in mano. Infine, ci sono due incertezze all'orizzonte sulla gestione stand alone della banca: la formazione del consorzio di consorzio di garanzia per l'aumento di capitale di Veneto Banca in un momento in cui andranno sul mercato anche altri istituti di credito tricolori e gli esiti dell'asset quality review della Bce a cui anche la Popolare di Montebelluna sarà soggetta.

banca veneto 500
 

Consapevole delle difficoltà, Consoli, secondo quanto risulta ad Affaritaliani.itsi sta organizzando su più fronti. Sta costruendo il consenso sul territorio con varie cene invitando i soci a partecipare all'assemblea di sabato 26 aprile e spiegando le sue strategie per il futuro stand alone di Veneto Banca. Ha organizzato due voli charter da Bari per far partecipare all'assise del 26 circa 600 soci-clienti della controllata Banca Apulia in modo da massimizzare la presenza degli azionisti e far risultare così il più largo consenso possibile alle nuove operazioni di rafforzamento patrimoniale. Infine, sembra abbia intenzione di contingentare le ferie di luglio e agosto dei dipendenti sulla rete per portare a casa il massimo successo nella sottoscrizione dell'aumento di capitale da parte del territorio.

Oltre al proprio movimentismo, una mano a Consoli in questo momento potrebbe darla la diffidenza di eventuali investitori ad imbarcarsi in operazioni dagli esiti ancora incerti. E così, ad oggi raccolte di firme di liste alternative a quella dell'attuale presidente Flavio Trinca e di Consoli non risultano ancora iniziate. I banchieri di Montebelluna si preparano così ad incassare la riconferma.  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
veneto bancaconsolibim
i più visti
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.