A- A+
Economia
Mario Monti 2

Nell'ultima occasione utile, Mario Monti inverte la rotta e chiede più flessibilità. Se il governo tecnico sarà ricordato per le sue politiche di austerità (anche dettate dall'europa), prima di lasciare l'incarico il premier ha inviato una lettera agli altri leader europeo per ottenere "margini ragionevoli di flessibilità nella disciplina dei conti pubblici".

Quando si scontrano flessibilità e austerity, gli schieramenti sono sempre gli stessi: da una parte i Paesi del Sud Europa, dall'altra i "virtuosi" guidati dalla Germania. Angela Merkel però apre: "E' "pienamente giusto" che l'Italia "possa avere maggiore spazio per gli investimenti, come previsto dal braccio preventivo del patto di stabilità e crescita".

Monti ha scritto a Herman van Rompuy e José Manuel Barroso che "l'Italia ha rispettato rigorosamente tutti gli impegni presi". Ma adesso il Paese merita più libertà d'azione per sfruttare i margini di manovra disponibili per la creazione di "posti di lavoro stabili e di migliore qualità alleggerendo il cuneo fiscale sui nuovi contratti a tempo indeterminato favorendo l'apprendistato dei giovani e rafforzando i servizi per l'infanzia". Secondo Monti, "forme di flessibilità controllata consentirebbero di accompagnare un programma credibile di risanamento dei conti pubblici in azioni a sostegno dell'economia".

Prima di lasciare il suo ultimo vertice Ue, Monti si è augurato che i leader dei 27 Paesi concentrino la discussione su "una nuova nozione di consolidamento orientato alla crescita, esplorando modalità atte ad ampliare i margini di manovra nelle politiche di bilancio, preservando al contempo la credibilità del percorso di risanamento delle finanze pubbliche".

Secondo Enzo Moavero Milanesi, con un allentamento dei lacci Ue, l'Italia potrà deviare dall'obiettivo, già conseguito, del pareggio strutturale di bilancio per fare investimenti pubblici produttivi per la crescita, pur restando comunque sotto la soglia del 3% nel prodotto deficit/Pil, sempre in termini strutturali (e non nominali).

Il ministro per le politiche europee ha precisato che comunque le decisioni sugli interventi pubblici che potranno essere prese "dovranno essere discusse con la Commissione europea e forse anche con l'Eurogruppo", per verificare che rispettino determinati criteri, ovvero che si tratti davvero di investimenti produttivi e favorevoli alla crescita. E' questa la nuova 'flessibilità' nelle politiche di bilancio che si è riusciti a 'consolidare' durante la discussione fra i capi di Stato e di governo, per spostare finalmente l'accento dalla disciplina finanziaria alle politiche di crescita, sempre più necessarie per arginare la disoccupazione e uscire dal circolo vizioso fra tagli di spesa pubblica e ulteriore recessione. "In questa fase - ha detto Monti durante la conferenza stampa - utilizzeremo appieno i margini di flessibilità presenti nel Patto di stabilità e nel trattato di bilancio: il che non significa, come ho sottolineato con i nostri amici nordici, spazi indeterminati e 'creativi', ma quelli definiti dopo aspre, anzi diciamo intense discussioni, e che fanno parte ormai dei testi di riferimento. Uno dei problemi che ha l'Ue - ha osservato il premier - è che non sempre dà piena attuazione a ciò che è stato deciso; ed è cattiva attuazione anche gestire i controlli (nella disciplina di bilancio, ndr) come se quei margini non fossero stati introdotti".

Dopo aver sottolineato che un paese che, come l'Italia, ha mantenuto i propri impegni "è più credibile nell'uso di quei margini senza intento elusivo", Monti ha aggiunto che durante il vertice "il presidente Barroso ha illustrato il lavoro che la Commissione europea sta facendo per rendere operativi quei meccanismi previsti nel testo, e ha riconosciuto che non ci sono contraddizioni con le proposte italiane che ha ascoltato e letto" nella lettera consegnata dallo stesso Monti a tutti i colleghi del Consiglio europeo, al suo presidente Herman Van Rompuy, al presidente della Bce Mario Draghi e al presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem.

"È necessaria - si legge nel paragrafo in questione delle conclusioni del vertice Ue - un'opportuna combinazione di misure riguardanti la spesa e le entrate a livello degli Stati membri, che comprenda misure mirate a breve termine per promuovere la crescita e sostenere la creazione di posti di lavoro, in particolare nei confronti dei giovani, e dia la priorità agli investimenti favorevoli alla crescita. In tale contesto il Consiglio europeo ricorda che, nel pieno rispetto del Patto di stabilità e crescita, le possibilità offerte dal quadro di bilancio esistente dell'Ue per equilibrare la necessità di investimenti pubblici produttivi con gli obiettivi della disciplina di bilancio potranno essere sfruttate nel braccio preventivo del patto stesso".

"Per ora - ha spiegato Moavero - c'è questo consolidamento di un principio, che ha resistito" ai tentativi di erosione dei cosiddetti 'paesi creditori'; "adesso vedremo come questo principio si declinerà" in termini di misure concrete e "in tempi relativamente rapidi". Comunque, dopo il confronto di ieri "la flessibilità è ora nero su bianco" nelle conclusioni del Consiglio europeo, e questo permetterà "una crescita più rapida", ha concluso il ministro.

Durante la conferenza stampa, Monti ha citato alcune prime misure concrete a cui pensa il governo per utilizzare i nuovi margini, in particolare sbloccando e mobilitando le quote italiane di cofinanziamento dei Fondi strutturali Ue, con la priorità della riduzione della disoccupazione giovanile che "sarebbe il miglior messaggio per contrastare la marea montante del populismo e della disaffezione verso l'Europa". Innanzitutto, ha detto il premier, "incentivi fiscali per assumere nuovi lavoratori con contratti stabili, riducendo il cuneo fiscale e aumentando il reddito del lavoratore, con una detrazione fiscale per tre anni". In secondo luogo, "incentivi per l'assunzione di giovani con contratti di apprendistato". E infine un rafforzamento dei servizi per l'infanzia, in particolare "ampliando l'offerta di 'voucher per baby sitting'".

Tags:
montivertice ueausterity

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.