A- A+
Spettacoli
Ancora silenzio sulla trama di Matrix 4. E se si ripartisse dallo “scopo”?

“Noi non siamo qui perché siamo liberi; siamo qui perché non siamo liberi. Di sottrarsi a questo dato di fatto, non c'è ragione. Nel negarlo non c'è scopo, perché sappiamo entrambi che, senza scopo, noi non esisteremmo. È lo scopo ad averci creati. È lo scopo che ci connette. Lo scopo che ci motiva, che ci guida, che ci spinge. È lo scopo che stabilisce. Lo scopo che ci vincola. Noi siamo qui per colpa sua, signor Anderson. Siamo qui per togliere a lei quello che lei ha cercato di togliere a noi: lo scopo.”

Nel secondo film della trilogia di Matrix, l’agente Smith tenta di togliere “lo scopo” all’eletto, Neo, scoprendo di non riuscirci. È molto importante questo passaggio per comprendere la vera chiave di lettura di questa saga, che il prossimo anno vedrà di nuovo Keanu Reeves davanti la cinepresa per l’inizio dei nuovi ciak.

Nonostante l’attenzione mediatica sia elevatissima e la curiosità dei fan elettrizzante, ancora nulla è stato svelato circa la trama di questo nuovo episodio “evolutivo”.  Potremmo azzardare un’ipotesi non troppo fantasiosa nel sostenere che Matrix 4 sarà incentrato fortemente sullo scopo.

Cos’è che sta venendo a mancare con l’avvento della robotica? Con la spoliazione dei diritti reali come il “possedere” la propria ricchezza in cartamoneta, i chip sottocutanei, i primi camerieri con le rotelle anche in Italia, i postini digitali, i droni che consegnano la merce, gli impiegati di banca interattivi, i maggiordomi Amazon in casa? È evidente che ad un certo punto qualcosa sfuggirà di mano.

Le macchine empatiche grazie ai processori quantici, impareranno via via come i neonati. Saranno capaci di apprendere, andranno oltre quello per cui sono inizialmente nati. Insomma ad un certo punto questi strumenti saranno imprevedibili, perché non seguiranno principi inviolabili od un’etica, ma faranno un proprio corso come noi umani.

Come le civiltà sono cresciute tra guerre, scandali, religioni, atrocità e misfatti, anche questi automi evolveranno, molto probabilmente non essendo più al nostro servizio, dato che nel frattempo saremo diventati totalmente alienati ed inutili.

Nessuno più saprà cucinare un piatto di pasta, stirare una camicia, guidare, compilare un modulo, con la scomparsa dei mestieri scompariranno anche i talenti, le capacità, le menti saranno ancora più addormentate di oggi, dove già non brilliamo di estro e fantasia.

L’ignoranza finanziaria sale già oggi, l’analfabetismo funzionale è già una realtà, la propensione al calcolo matematico si sta estinguendo, la depressione è sempre più montante, la precarietà è ormai consolidata, quanti miliardi di esseri umani sul Pianeta già oggi non hanno uno scopo? Non è fantasia tetra, basta solo leggere gli allarmi di adesso, in proiezione.

Di Andrea Lorusso

FB @andrealorusso1991

Commenti
    Tags:
    matrixmatrix 4matrix 4 uscitamatrix 4 filmmatrix 4 quando escematrix 4 regista





    in evidenza
    Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

    La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

    Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

    
    in vetrina
    Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

    Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


    motori
    FIAT e Pigna lanciano 'The Color Energy': Colore e Sostenibilità

    FIAT e Pigna lanciano 'The Color Energy': Colore e Sostenibilità

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.