A- A+
Spettacoli
Ascolti Tv Auditel: mentre la nuova Rete4 arranca, La7 cresce e fa faville

Gli indici di ascolto e i dati Auditel della nuova stagione televisiva hanno visto entrare prepotentemente in gioco la nuova Rete4 curata da Gerardo Greco, promosso alle redini dell'informazione del canale Mediaset. E tuttavia, le nuove trasmissioni che hanno preso l'avvio sotto la sua egida, ovvero Quarta Repubblica di Nicola Porro il lunedì in prime time, Fuori dal coro di Mario Giordano in onda nella fascia preserale alle 19,35, e Viva l'Italia - Ieri e oggi condotta dallo stesso Greco il giovedì in prima serata, non sembrano trovare il plauso del grande pubblico arrancando fra il 3 e il 5% di share. 

L'assegnazione del timone di Stasera Italia a Barbara Palombelli, per giunta, dopo una partenza promettente, ha mostrato ben presto il fianco ed è quotidianamente battuta (spesso in maniera piuttosto sonora) dalla concorrente Lilli Gruber con il suo immarcescibile Otto e mezzo su La7.

La7 che, al contrario, ravvisa il miglior inizio di stagione degli ultimi sette anni. Dal 1 al 30/9, leggiamo in un comunicato stampa, "la Rete del Gruppo Cairo Communication, raggiunge, infatti, nella giornata (07:00- 02:00) una share media del 3,52% (+26% vs il 2017) e del 4,51% in prime time (20:30/22:30) pari a +36%".

In particolare, sono in crescita tutti i programmi, soprattutto "Otto e Mezzo (dal lunedì al venerdì) che "conquista il 6,89% di share (+35% vs 2017) facendo registrare il miglior avvio stagionale di sempre. Il programma di Lilli Gruber conferma la sua supremazia nell’access prime time battendo nettamente Stasera Italia su Retequattroche supera per ben 13 volte consecutive".

Se lo stesso Giovanni Floris ottiene la miglior partenza di sempre con DiMartedì e così gli altri conduttori con i loro rispettivi programmi quali Myrta Merlino con l'Aria che tira, Massimo Giletti con Non è l'Arena, Tiziana Panella con Tagadà, Andrea Pancani con Omnibus ed Enrico Mentana con il TGLa7, si evidenzia un "ottimo start anche per Piazzapulita, che raccoglie il 5,92% di share(+62% vs 2017). Il programma di Corrado Formigli vince costantemente e con grande margine il confronto con il competitor W l’Italia su Retequattro".  

Il "total makeover" politicamente corretto di Rete4, insomma, finisce per soccombere all'avanzata di La7 che, da sempre molto vicina al m5s, oltre a giovare dell'insediamento dei grillini al Governo, riesce ad ammannire un prodotto che strizza sapientemente l'occhio al populismo pur mantenendo un'allure garbata e non strillata che non scontenta i moderati. Quando invece l'informazione riveduta e corretta da Gerardo Greco sul canale Mediaset stenta a trovare una sua dimensione ben definita e tradisce il target di riferimento della rete, il cui pubblico fin dai tempi di Emilio Fede è stato abituato a tutt'altra minestra rispetto a quella sonnacchiosamente istituzionale che vede Barbara Palombelli (e lo stesso Greco) quale testimonial

 

 
Commenti
    Tags:
    ascolti tvauditella7rete4gerardo grecourbano cairo
    in evidenza
    Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

    Transizione green

    Energia e misurabilità ESG
    Svolta nel libro di Dal Fabbro

    i più visti
    in vetrina
    Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

    Caldo record e rincari
    Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare


    casa, immobiliare
    motori
    Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

    Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.