A- A+
Spettacoli
Dodi Battaglia, sale l'attesa per la festa del 1° giugno

Il modo migliore per festeggiare le nozze d’oro con la musica? Una festa con i fan. Dodi Battaglia ha scelto di seguire il suo istinto, senza calcoli e possibilità di strumentalizzazioni. Per il primo giugno, che coincide anche col suo 67esimo compleanno, il chitarrista ha deciso di festeggiare con un grande concerto assieme ad amici, colleghi e fan a Bellaria Igea Marina in provincia di Rimini, una località legata alla sua infanzia. Una scelta insolita per uno dei personaggi più iconici della musica italiana che ha voluto fortemente questa dimensione ‘umana’ per un momento importante della sua carriera: una festa in mezzo alla gente, distante anni luce dai riflettori degli stadi o dai rumori dei grandi eventi a pagamento. L’idea del "DODI DAY - 50 anni in musica", questo il titolo della serata, è proprio nata dalla voglia di andare controcorrente in tempi di grandi tributi più o meno spontanei e ormai inflazionati, a vantaggio di una grandissima festa ‘umana’, gratuita, aperta a tutti, un grande concerto pieno di sorprese che è il modo più sincero per ringraziare davvero i fan che lo seguono con affetto da 50 anni. Un modo autentico in linea con una carriera fatta di decine di grandi successi, coerenza e grande professionalità spesa come chitarrista dei Pooh e interprete di tante hit. Per quello che ha battezzato il #Dodiday, Battaglia ha chiamato gli amici veri, tra i primi Stefano D’Orazio, Marco Masini, Gigi D’Alessio, Mario Biondi, Luca Carboni, Enrico Ruggeri, Mietta, Silvia Mezzanotte, Maurizio Solieri, Fio Zanotti e sorpresa dell’ultimo minuto come Piero Barone e Ignazio Boschetto de Il Volo. Entrato come chitarrista nel gruppo Italiano più prolifico di sempre nel 1968, Dodi è rimasto nella band fino all’ultimo grande concerto di Bologna del 30 dicembre 2016. Durante questi 50 anni non sono mancate per Dodi attestati di stima di ogni tipo, sia popolari che istituzionali: dal titolo di miglior chitarrista d’Europa nel 1981 e 1986 a quello di miglior chitarrista Italiano nel 1987 e 1988. Nel 1986 gli è stato conferito dal presidente della Repubblica Cossiga il titolo di Cavaliere della Repubblica. Per non parlare del Diploma Accademico Honoris Causa in "Chitarra elettrica jazz" ricevuto dal Conservatorio "Egidio R.Duni" di Matera, della Laurea Magistrale in "Storia della Musica Pop Italiana" presso l'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Non solo: la Fender, la leggendaria fabbrica di chitarre, gli ha dedicato nel 1997 la “DodiCaster”, una chitarra appositamente costruita che per un chitarrista è paragonabile alla vincita di un premio Oscar per un attore. In questi 50 anni Dodi Battaglia ha collaborato con grandissimi artisti Italiani ed internazionali come Vasco Rossi (sua la chitarra nei brani "Una canzone per te", "Va bene va bene" e "Toffee"), Al Di Meola, Tommy Emmanuel, Gino Paoli, Enrico Ruggeri, Raf, Gianluca Grignani, Mia Martini, Giorgio Faletti, Alice, Massimo Ranieri.

Tags:
dodi battagliaattesa per la festa1° giugno
Loading...
in evidenza
Ronaldo addio, CR7 in quota Psg Tonali-Milan: arriva la Juventus

Calciomercato news

Ronaldo addio, CR7 in quota Psg
Tonali-Milan: arriva la Juventus

i più visti
in vetrina
Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.