A- A+
Spettacoli
Doppio taglio, il femminicidio a teatro

DOPPIO TAGLIO è uno spettacolo che affronta la tematica della la violenza contro le donne, distinguendosi per la scelta di uno sguardo trasversale: non il racconto della vittima, né quello di un testimone o tanto meno del carnefice, ma la rivelazione di alcuni curiosi meccanismi attraverso i quali il racconto dei media plasma e distorce la nostra percezione del fatto, trasformando anche la più sincera condanna in un'arma, appunto, a “doppio taglio".

Marina Senesi è un’attrice/autrice che si è sempre distinta per la capacità di fondere in un’unica cifra la forza dell’ impegno e il gioco dell’ironia (molti ricorderanno il suo spettacolo di teatro civile La Vacanza, patrocinato dal Premio Ilaria Alpi, le sue campagne per Caterpillar–Radio2Rai e per l’associazione LIBERA contro le mafie). Cristina Gamberi è dottore di ricerca in Studi di Genere all'Università di Napoli Federico II. Insieme al Progetto Alice è ideatrice di percorsi formativi nelle scuole sull'educazione al genere e sulla violenza contro le donne. Dal loro incontro è nata l’idea di riadattare per il palcoscenico una ricerca accademica della Gamberi, decostruendo l’impianto lessicale e iconografico degli articoli diffusi su stampa e web, per interpretare il 'taglio' comunicativo che i media applicano (più o meno involontariamente ) nel descrivere l’uccisione di una donna per mano del proprio uomo. Tutto questo, elaborato in una narrazione semplice ed immediata, capace di interessare, incuriosire e sorprendere. L'originalità e la forza di questa proposta hanno immediatamente convinto altre due artiste d'eccezione: Lucia Vasini, che firma la regia, e la cantautrice inglese Tanita Tikaram (la voce calda e sensuale di “Twist In My Sobritety” - indimenticabile hit - tornata a incantare il pubblico internazionale con il suo ultimo lavoro, "Can't Go back"), che regala allo spettacolo uno splendido inedito, intriso di sonorità sophisti-pop, dal titolo decisamente emblematico: "My Enemy".

Con il contributo delle inconfondibili voci fuori campo di Filippo Solibello e Marco Ardemagni (conduttori del programma mattutino cult di Radio2 Rai: Caterpillar AM) e con il susseguirsi di immagini che scorrono parallele al racconto, scopriamo come la cronaca raramente si sottragga - anche oggi - alla regola di una tradizione letteraria volta ad alleggerire la responsabilità dell’aggressore quando si ritiene che la donna abbia varcato i confini imposti al suo genere. Ci accorgeremo che, sia pure nella finzione fotografica, la vittima è esposta allo sguardo del lettore mentre il carnefice è solo un’ombra (imprendibile per definizione) oppure viene rappresentato solo attraverso una piccola porzione del corpo, e tutto questo senza che il lettore avverta qualcosa di sbagliato: paradossalmente proteggiamo la privacy di lui! Anche i capelli della vittima possono essere un rimando alla figura di scapigliata che, in letteratura e nell’arte figurativa, rappresenta la perdita dell’innocenza e la donna moralmente caduta. La vittima quindi - al di là delle buone intenzioni di chi scrive e di chi legge - è ritratta come inerte, inerme, isolata e coi segni di una sessualità subita che la 'macchia' indelebilmente. La narratrice si chiede, e ci chiede: “Una donna che si vede socialmente rappresentata così è incentivata alla denuncia? Perché mai dovrebbe fidarsi se sa che noi non stiamo dalla sua parte? Se, come nella maggior parte dei casi, l’immagine proposta dai media ritrae la vittima in soggettiva, cioè come se l’aggressore fosse di fronte a lei, noi lettori, comprese noi donne che ci dichiariamo impegnate e sensibili, che altro stiamo facendo se non guardare la vittima dalla stessa visuale del suo aggressore?” “Quando Marina mi ha coinvolto in questo progetto” - racconta Lucia Vasini - “ho immediatamente detto di sì per l'entusiasmo e la sincerità che la contraddistingue in ogni viaggio all'interno del teatro civile.

Quando una sera dopo le prove mi ha telefonato a casa per dirmi: 'Andiamo a Londra domani, a incontrare Tanita Tikaram?', ho detto subito di sì senza pensare a nient’altro se non alla voce magica di questa grande musicista. L’'incontro con Tanita è stato veloce (due ore), giusto il tempo della colazione nel centro della città. Ma in quelle due ore il tempo si è dilatato come succede durante veri incontri. …E le note di regia vorrei fossero proprio le parole di Tanita, formulate in un divertente italiano, attraverso una domanda diretta a Marina mentre velocemente raggiungevamo la metropolitana per il ritorno a Milano: 'Marina, io non credo che il tuo racconto urli aggressivo, vero?' Ci siamo guardate e intese: 'No,no!', abbiamo risposto in coro.”

 

MARINA SENESI

Marina Senesi è attrice e autrice. Si divide tra teatro radio e performance itineranti di spettacolo/informazione. Si è formata alla scuola del Teatro Stabile di Genova. Nel 2007 Ha scritto in collaborazione con la giornalista di Report Rai3 Sabrina Giannini, il monologo di teatro civile "La Vacanza” sul caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, uccisi in Somalia nel Marzo 1994. "Premio Giornalistico Televisivo Ilaria Alpi 2007 " - Premio Anacapri 2007 – Il monologo viene tuttora riproposto ogni anno nel mese di Marzo ed è stato rappresentato per due edizioni consecutive alla Giornata in Memoria delle Vittime di mafia. - Nel 2013/14 ha portato in scena il monologo “ Se si può raccontare”, in un tour teatrale nazionale promosso da Europa Donna Italia.

RADIO: E' stata inviata e autrice per il programma di Radio2Rai "Caterpillar". Ha ideato e condotto il programma itinerante "Camper" e tre edizioni di "Libro Oggetto".

TELEVISIONE: Per Rai3 è stata nel cast fisso di "Quelli di Caterpillar" e "Caternoster". Per Rainews24 è stata protagonista del Documentario "Sulla Retta Via" (Dalla Rai di Milano a Senigallia in linea retta)

LIBRI: Ha pubblicato con le Edizioni Il Sole 24 Ore “Un Argonauta contromano” - Da Milano a Senigallia pedalando sull'acqua - Diario di un Viaggio in slow-economy.

24 novembre sede RAI di Milano
nell’ambito della “Giornata contro la violenza sulle Donne 2014”

25/27 novembre Teatro Franco Parenti di Milano
Via Pier Lombardo, 14 – Tel 02 599951

MARINA SENESI
in
“DOPPIO TAGLIO”
di
Cristina Gamberi
adattamento di Marina Senesi
voci fuori campo di
Filippo Solibello e Marco Ardemagni
regia
Lucia Vasini
musiche originali
Tanita Tikaram
DURATA 60'

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
doppiotagliospettacolo
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici

Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.