A- A+
Spettacoli
Made in Italy, Ligabue: “Vi spiego il mio amore frustrato per l’Italia...”
Luciano Ligabue

Da Mondovisione del 2013 al nuovo concept-album Made In Italy: Luciano Ligabue è tornato e si racconta in questa video-intervista ad Affari. "Io mi sento italiano e mi riconosco nei difetti degli italiani, però non mi piace che i mali più endemici, profondi e atavici del nostro Paese ci sentiamo promettere da una vita che verranno risolti. E da una vita vediamo che vengono messi da parte, si ripetono, o addirittura peggiorano costantemente”.

ECCO L'INTERVISTA A LIGABUE

Da Mondovisione a Made in Italy. Cos’è cambiato dentro di te in questi 3 anni e qual è stato il tuo percorso?
“E’ difficile capire i piccoli cambiamenti che avvengono dentro di te, ma una cosa la so per certa. Durante questi 3 anni ho fatto un giro del mondo per concerti ed era la mia prima volta che vivevo questa esperienza: questa situazione, da un lato, mi ha fatto provare nostalgia del nostro Paese, difetti compresi. Dall’altro però ho fatto un confronto con le realtà che vedevo: da Tokyo a Shanghai, passando per Sidney, Melbourne, NY e Los Angeles…  Ho visto come funzionavano quelle città, facendo a volte confronti un po’ impietosi su come non funzionano diverse delle nostre città. E poi…"

Poi…
“La sera andavo a suonare e avevo di fronte degli italiani. Mi chiedevo: hanno scelto o hanno dovuto venire lì perché in Italia non c’è lavoro? Quanti di loro provano nostalgia per il nostro Paese? Io l’ho provata dopo pochi mesi che ero fuori… Questo è l’humus in cui ha iniziato a formarsi Made in Italy”

Made in Italy l’hai definito una dichiarazione ”d’amore frustrato” per il nostro Paese. Cosa non ti piace e cosa ancora salvi dell’Italia?
“Cosa non mi piace temo sia un elenco un po’ lungo. Diciamo che abbiamo sotto gli occhi costantemente una tale bellezza che non riusciamo a valorizzare o anche semplicemente a sfruttare per quello che è. Io ho scoperto che i visitatori di Roma ogni anno sono un terzo di quelli di Berlino. Se pensiamo che la nostra capitale è almeno una delle 3 città più belle del mondo, mentre Berlino è stata ricostruita dopo la seconda Guerra Mondiale…. Dopodiché io mi sento italiano e mi riconosco nei difetti degli italiani, però non mi piace che i mali più endemici, profondi e atavici del nostro Paese ci sentiamo promettere da una vita che verranno risolti. E da una vita vediamo che vengono messi da parte, si ripetono, o addirittura peggiorano costantemente”

Made in Italy nel video è un treno che viaggia per l’Italia. Quali saranno le prossime fermate del treno di Luciano Ligabue?
“In questo momento c’è un album che esce ora ed è la tappa più importante. La seconda fermata riguarderà l’attività dal vivo, i concerti che partono ai primi di febbraio. Andremo in giro a suonare integralmente questo album. E lo faremo nel suo ordine, perché questa storia venga rispettata. Oltre a quello, ci sarà buona parte del repertorio che pensiamo la gente voglia sentire nei miei concerti”

Da Campovolo al recente doppio evento di Monza, passando per i grandi stadi e palazzetti. C’è un posto dove non hai mai suonato e vorresti farlo?
“Devo dire che mi sono tolto molti sfizi da questo punto di vista. Però non mi hanno mai dato il San Paolo di Napoli. L’unica volta ho suonato nella Curva tanti anni fa… E mi dispiace un po’ perché il fan napoletano è molto caldo”.


LIGABUE: DA MADE IN ITALY A MORATTI, L'INTER E POI...
ECCO LA VIDEO INTERVISTA INTEGRALE AD AFFARITALIANI.IT

Tags:
made in italyligabueligabue made in italyligabue italialuciano ligabueligabue nuovo album 2016
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.