A- A+
Spettacoli
Rai, Foa: "Fazio ha un compenso elevato. C'è un problema di opportunità"

Rai, Foa: "Fazio ha un compenso elevato. C'è un problema di opportunità"

"Il compenso di Fabio Fazio è molto elevato". Il presidente della Rai Marcello Foa, ospite al Festival della Tv e dei nuovi media di Dogliani, è d'accordo con con il vicepremier Matteo Salvini. "Il compenso è molto elevato, al di sopra di qualunque valutazione di merito sugli ascolti - spiega Foa a margine dell’incontro  - Nella Rai del cambiamento, rispettosa del canone pubblico, è chiaro che, per quanto vincolato da un contratto che la Rai naturalmente deve rispettare, si pone un problema di opportunità".

RAI: FOA, 'FORMAT "CHE TEMPO CHE FA" HA PERSO CARICA INNOVATIVA'

"Spetta all'amministratore delegato trovare risposte opportune a una questione che è sul tavolo da tanto tempo. Non interferisco con il suo lavoro. Questa è la Rai del cambiamento e 'Che tempo che fa' è una trasmissione che va in onda da 16 anni, dal 2003. Forse  è un format che non ha più quella carica innovativa che forse aveva all'inizio. Questo dovrebbe farci riflettere". Così il presidente della Rai, Marcello Foa, a margine dell'incontro al Festival della tv e dei nuovi media. Il presidente di Viale Mazzini ha poi aggiunto: "E' stata portata su Rai1 e gli indici di ascolto non sono aumentati. Questo induce a una riflessione dal punto di vista aziendale. Non gestisco i palinsesti, non voglio entrare nel campo di Salini, è compito dell'ad, ma sono riflessioni di fondo che condivido anche con lui che porteranno alle valutazioni che Salini riterrà più opportune", ha concluso Foa

RAI: FOA, 'RISPETTO LA7 MA SIAMO NOI SERVIZIO PUBBLICO'

"Ho stima e rispetto per La7, ha un taglio molto particolare, una sua fisionomia, da qui a definirla servizio pubblico però ce ne corre". Così il presidente della Rai Marcello Foa sollecitato nel corso di un incontro al festival della tv e dei nuovi media a proposito della rivendicazione di La7 di svolgere un servizio assimilabile a quello pubblico. "Noi siamo servizio pubblico - ha sottolineato - da un lato abbiamo un canale all news che è Rainews 24 e poi e abbiamo  la Tgr, una realtà giornalistica eccellente, con indici di ascolto molto alti che richiede in ogni regione redazioni numerose. Solo noi possiamo farlo questo perché ha dei costi che un'emittente privata rispettabile, che stimo che non potrà mai garantire". "Noi poi abbiamo dei vincoli di mandato, c'è una certa attenzione anche al mondo culturale italiano - ha aggiunto Foa - senza la Rai buona parte del mondo culturale italiano non avrebbe le risorse per proporsi all'Italia e all'estero. Servizio pubblico è soprattutto questo".

"Che poi ci sia una tv privata che produce ogni giorno molti talk e il telegiornale di Mentana, è una realtà positiva, ci sta, siano in regime di concorrenza, è uno stimolo per noi, benissimo ma non è servizio pubblico", ha ribadito il presidente della Rai escludendo però la possibilità di una condivisione del canone".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    raifoafabio faziofoa faziofazio foamarcello foache tempo che fa
    in evidenza
    Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

    Nino Cerruti

    Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

    i più visti
    in vetrina
    Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

    Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


    casa, immobiliare
    motori
    Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

    Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.