A- A+
Spettacoli
William Friedkin è morto, addio al regista dell'Esorcista e premio Oscar
William Friedkin (foto Lapresse) è morto, addio al regista dell'Esorcista. Vinse Oscar e Leone d'oro

William Friedkin è morto: Hollywwod piange il regista de "L'esorcista"

È morto all'eta' di 87 anni, a Los Angeles, William Friedkin, regista di "The Exorcist" (L'Esorcista) e 'The French Connection'. Ad annunciarlo, secondo quanto afferma il sito Hollywood report, è stata la moglie. Friedkin ha fatto parte di una generazione di registi che ha rivoluzionato il modo di fare cinema negli anni 70, realizzando film provocatori, individualisti.

L'esorcista (1973), fu uno dei suoi film più celebri. Già dalle prime sequenze lascia presagire qualcosa di terrificante, con la scena ambientata nel deserto del Medio Oriente, il sito archeologico che ospita una presenza, la colonna sonora con un rumore, una sorta di ronzio simile a quello emesso dalle mosche sempre più forte e minaccioso. Fu un film che ebbe un successo mondiale.

Esponente della Nuova Hollywood, Friedkin è considerato un innovatore del poliziesco e dell'horror. Per questa sua caratteristica fu soprannominato il regista del Male.

William Friedkin, regista Premio Oscar e Leone d'Oro

Nel 1972 vinse l'Oscar come miglior regista per Il braccio violento della legge. Nel 2013 riceve il Leone d'oro alla carriera alla mostra del cinema di Venezia. Figlio di una infermiera e di un marinaio, visse un'infanzia non proprio agiata e si mantenne con piccoli lavoretti finché, interrotti gli studi, iniziò a lavorare come fattorino per la stazione televisiva di Chicago WGN, per poi imparare il mestiere che lo avrebbe reso famoso.

William Friedkin, il "regista del male": la carriera

Girò nel 1962 The People Vs. Paul Crump, documentario sul caso di un uomo di colore condannato a morte e grazie al film la sentenza fu rimessa in discussione. Il film vinse il premio Golden Gate al Festival del cinema di San Francisco. A Los Angeles nel 1965 diresse programmi televisivi incluso un episodio de L'ora di Hitchcock.

Il suo primo film fu Good Times, musical romantico con Cher, poi Quella notte inventarono lo spogliarello (1968), con Britt Ekland fino a ottenere, grazie ai consensi di pubblico e critica, grande successo con Il braccio violento della legge (1971) che lo consacra a Hollywood. Il film vinse cinque premi Premio Oscar.

Subito dopo arriva L'esorcista, film che cambia il genere poliziesco e si vide attribuire l'appellativo di "regista del Male". Il film è considerato ancora oggi una pietra miliare del cinema horror, con incassi sensazionali e due Premi Oscar (miglior sceneggiatura non originale e miglior sonoro). Si è sposato quattro volte: con Jeanne Moreau, Lesley-Anne Down, Kelly Lange, Sherry Lansing.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
esorcistamortowilliam friedkin





in evidenza
"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni

Nuova uscita PaperFirst

"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


motori
Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.