A- A+
Esteri
Afghanistan: 4 condanne a morte per il linciaggio di Farkhunda

Un giudice afghano ha condannato a morte quattro uomini per aver partecipato al linciaggio di una donna di 27 anni accusata ingiustamente di aver bruciato alcune copie del Corano in una moschea. I quattro erano fra i 49 imputati, tra cui 19 poliziotti accusati di omesso soccorso, per l'aggressione avvenuta il 19 marzo a Kabul che aveva scatenato proteste di piazza nella capitale afghana a cui avevano partecipato centinaia di donne.

La 27enne Farkhunda, che soffriva di disturbi psichici, fu presa a calci e bastonata a morte e il suo corpo fu bruciato e trascinato per strada, prima di essere gettato sulla riva del fiume Kabul. La polizia e il governo avevano poi fatto sapere che non vi era alcuna prova che la giovane avesse bruciato copie del Corano.

Tags:
afghanistancondannelinciaggiofarkhunda
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.