A- A+
Esteri

In Afghanistan una bomba nascosta in un microfono ha ucciso il governatore della provincia di Logar, mentre teneva un discorso vicino una moschea, al termine delle preghiere per Eid al-Adha, la Festa del Sacrificio. L'esplosione e' avvenuta non lontano dalla capitale Kabul, nella moschea di Eidgah, nella citta' di Pul-e-Alam, e ha provocato il ferimento di una quindicina di persone. Nessun gruppo ha rivendicato l'attentato, avvenuto nonostante le imponenti misure di sicurezza approntate dal ministero dell'Interno per la festa di Eid al-Adha, una delle piu' importanti del mondo musulmano, in cui i fedeli ricordano la disponibilita' di Abramo a sacrificare il figlio perche' glielo aveva chiesto Dio. L'attentato segue di una settimana l'arresto da parte delle forze di sicurezza Usa del 'numero 2' del talebani afghani, Latifullah Mehsud, proprio a Logar.

Tags:
afghanistan
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.