A- A+
Esteri
Afghanistan, donne nemiche delle donne. Ecco dove porta la follia dei talebani
(foto Lapresse)

Dopo tante cattive notizie, finalmente eccone una buona: i talebani perdonano i loro nemici e, dunque, ci perdonano! E, addirittura ci rassicurano: ci daranno loro l’esempio di come si governa, opprimendo popolazioni di correligionari inermi, donne e bambini, soprattutto. E, poi, di come si trattano i collaboratori del passato regime e i tanti volontari delle associazioni umanitarie italiane, europee ed internazionali che si sono presi cura, per 20 anni, della povertà reale e di quella educativa degli afgani, attraverso le generose sponsorizzazioni di Governi e privati.

Ci rassicurano anche con il contributo , ovviamente, dei loro alleati pakistani, disposti ad ospitare i genitori di Samira, uccisa e fatta sparire perché non accettava il “matrimonio combinato” che la famiglia aveva preparato per lei. E, ancora, con l’evidente sostegno della Cina reduce, peraltro, dall’eccidio pandemico imposto al mondo con milioni di morti e con danni irrisarcibili a famiglie ed economie. Danni che, “au contraire”, verranno risarciti, ma non certo alle vittime, bensì attraverso un progetto di colonizzazione mondiale che la Cina spera di attuare, dopo aver messo in ginocchio le risorse economiche di tanti civili e democratici Paesi del mondo.

E, naturalmente, dalla Russia, ma con un occhio ben attento alla Turchia, all’Iran, al Pakistan e, ancora, a “Hayat Tahrir al-Sham”, la costola siriana di al-Qaida posizionata, già da anni, in ben 15 province afghane; alla “Fratellanza” in Egitto, alla “Nahda” in Tunisia, all’“Isis” e, perfino, a “Hamas” a Gaza. Nazioni sospese tra l’attenzione, l’interesse, il timore d’essere pervasivamente islamizzate che, anche loro, ci rassicurano. Per rassicurare, al contempo, i trafficanti di droga e di armi i cui miliardari interessi, da sempre, alimentano il terrorismo. E, a questo punto, bisogna chiedersi: “I terroristi che, da più di venti anni, con i loro attentati, insanguinano i nostri Paesi, cosa perdonano ai loro nemici e in che modo e di cosa rassicurano la libera Europa, soprattutto ? Perché sono gli stessi che, a Kabul, hanno fatto strage di ragazzine all’uscita della scuola poiché, in quanto femmine, non debbono studiare.

E, ancora, perché non indossare il burka è un delitto inaccettabile per la millenaria Sharia. Sharia che, tra le altre medioevali imposizioni - senza offesa, s’intende per il medioevo! - prevede che si possano far sposare e rendere madri le ragazzine a dodici anni. Pedofilia a parte! E non era forse il profeta Maometto ad aver scelto la sua moglie e favorita Aisha a sei anni, per impalmarla, poi, a nove?

E, allora, analizziamo di cosa ci dovrebbero perdonare questi squallidi, barbuti e barbari soggetti dall’aria arrogante, saccente e ottusamente aggressiva. Forse di essere semplicemente civili, in quanto eredi indiscussi, seppur inconsapevolmente, involontariamente, irresponsabilmente colpevoli, per non averle validamente portate a termine, fino in fondo, di epocali rivoluzioni di popolo: dalla rivoluzione francese a quella bolscevica, a quella maoista che il tempo, gli uomini e i governi hanno, però, provveduto a tradire, alterandone, manipolandone, trasformandone i valori e svuotandole dei profondi, autentici, sostanziali e comprensibili significati e motivi che le avevano ispirate, motivate e fatte agire. Cina e Russia docent!

O, forse, invece perché, proprio in questi ultimi anni, siamo stati testimoni, rallegrati e speranzosi, delle “primavere arabe”. Convinti che, almeno, quelle nuove generazioni, cresciute all’ombra dell’Islam perfino moderato, le avrebbero protette dall’essere addomesticate da regimi dittatoriali, pseudoreligiosamente e ideologicamente fondamentalisti. Com’è, invece, avvenuto. In Oriente e in Occidente, laddove, ad esempio, gli “italianbani” ,di destra e di sinistra, sono convinti che, in fondo, l’orrore del terrorismo sia meglio di quello occidentale!

E, infine, perché consideriamo fondamentali ed inalienabili i diritti umani e quelli delle donne, conquistati a fatica, con infiniti sforzi, sacrifici e lutti, per garantire loro la piena parità con quella degli uomini: nello studio, nel lavoro, di fronte alla legge, nella libertà di parola, di espressione creativa, di abbigliamento. E per dare loro la piena possibilità di scegliere un marito o un compagno, senza sottometterle- con la paura e le minacce di morte - a contrarre fidanzamenti e matrimoni combinati. Così da poter scegliere di mettere al mondo un figlio soltanto se lo desiderano.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    afghanistan talebaniafghanistan talebani neminiciafghanistan nemici





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

    Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.