A- A+
Esteri

 

afghanistan 500 (7)

All'indomani dell'apertura del proprio ufficio di rappresentanza in Qatar, e alla vigilia dei colloqui diretti con emissari degli Stati Uniti appunto a Doha, i Talebani hanno rivendicato l'uccisione di quattro soldati americani e il ferimento di altri sei poco a nord di Kabul. "La notte scorsa due grossi missili sono stati lanciati contro la base aerea di Bagram", ha annunciato uno dei portavoce degli ex studenti coranici, Zabihullah Mujahid. "Il bersaglio e' stato colpito, ed e' divampato un vasto incendio", ha aggiunto.

"E' un primo passo , importante, verso la riconciliazione. Vi anticipo che vi saranno un mucchio di ostacoli lungo la strada". E' un Barack Obama molto cauto quello che al G8 parla dell'Afghanistan, soddisfatto dell'apertura del negoziato con i Talebani ma anche consapevole che le ferite da curare, dopo dodici anni di guerra e con le truppe della Nato ancora sul terreno, sono profonde e difficili da curare. Ma una data e una sede ci sono: giovedi' prossimo gli ex studenti coranici apriranno un ufficio nel Qatar e vedranno le delegazioni degli Usa: comincia quel che i talebani stessi hanno definito "il dialogo con il mondo". A rivelare quella che potrebbe essere una svolta e' stato il presidente, Hamid Karzai, nel corso della cerimonia per l'avvio della quinta e ultima fase del processo di transizione della sicurezza avviato nel 2011 e destinato a concludersi a fine 2014. "L'Alto Consiglio per la Pace afghano si rechera'in Qatar per discutere di negoziati di pace con i talebani", ha spiegato Karzai alludendo all'organismo istituito nel 2010 dal governo proprio per trattare con i guerriglieri fondamentalisti. L'annuncio e' arrivato in occasione del nuovo passaggio di consegne tra la Nato e l'esercito afghano (Ana), forte di 350mila uomini, ha riguardato gli ultimi 95 distretti, tra cui le turbolente aree al confine con il Pakistan.

Washington comunque vuole che i talebani e i gruppi fondamentalisti, ha detto Obama, "rompano con Al Qaeda", mettano fine alle violenze, accettino la Costituzione afghana, compresa la parte che riguarda la tutela delle donne e delle minoranze. In una conferenza stampa a Doha, Mohammed Naeem, un rappresentante dei talebani, ha espresso il desiderio di avere "buone relazioni con i Paesi vicini" e "con tutti i Paesi del mondo". Ma, ha precisato, "l'emirato islamico considera l'indipendenza della nazione dall'occupazione attuale un obbligo nazionale e religioso". Dunque, sembra di capire, prima del 2014, quando le truppe della Nato se ne saranno andate, i negoziati non entreranno nel vivo delle questioni aperte. Karzai ha spiegato che i colloqui dovranno cominciare in Qatar per poi trasferirsi rapidamente in Afghanistan e non dovranno diventare lo strumento di un Paese terzo per sfruttare l'Afghanistan. Lo scorso mese il presidente afghano aveva chiesto ai talebani di lottare contro i nemici dell'Afghanistan, un appello che era stato interpretato dagli analisti come una mossa contro il Pakistan dopo lo scontro tra le forze di sicurezza dei due Paesi al confine. Molti leader afghani pensano che il Pakistan stia aiutando gli estremisti, come strumento da utilizzare contro l'India. Rappresentanti talebani erano gia' stati in Qatar all'inizio del 2012 per aprire i negoziati di pace con gli Usa; ma a marzo avevano sospeso il processo sostenendo che Washington dava segnali contrastanti del suo impegno. L'annuncio di Karzai e' arrivato proprio mentre Kabul era scossa dall'ennesimo attentato: stavolta nel mirino e' finito uno storico leader dell'opposizione, Haji Mohammad Mohaqiq, capo dell'etnia hazara, a ricordare che qualcuno non ci pensa nemmeno a deporre le armi. La rete Haqqani, ad esempio: "Mi e' difficile credere che siano davvero propensi alla riconciliazione", ha spiegato l generale americano Joseph Dunford, attuale comandante in capo dell'Isaf, la Forza Internazionale di Assistenza per la Sicurezza guidata dalla Nato, come pure del contingente Usa. A preparare i negoziati di giovedi' prossimo ci ha pensato la diplomazia norvegese. Le trattative, ha spiegato Barth Eide, ministro degli Esteri del Paese scandivano, sono servite in primo luogo a convincere i Talebani ad avviare contatti diretti con il governo di Kabul, rispetto ai quali quelli con i delegati americani di giovedi' saranno preliminari. "In tale ottica abbiamo ricoperto un ruolo centrale", ha proseguito il capo della diplomazia di Oslo. "E' stato uno degli iter piu' riservati tra quelli nei quali siamo stati coinvolti, pero' adesso se ne puo' parlare".

A causa delle divergenze reciproche sull'avvio del dialogo con i Talebani in vista della pacificazione nazionale, il governo afghano ha sospeso senza preavviso i colloqui con gli Stati Uniti in merito all'Accordo Bilaterale sulla Sicurezza, un trattato che consentirebbe alle truppe Usa di rimanere nel Paese centro-asiatico anche dopo il 2014, quando sara' completato il ritiro delle forze della Nato: lo ha annunciato Aimal Faizi, portavoce del presidente Hamid Karzai

"Esiste una contraddizione tra cio' che l'amministrazione americana afferma e quanto invece fa a proposito dei colloqui di pace in Afghanistan", ha sottolineato il portavoce presidenziale. "Dichiarazioni e azioni non sono coerenti tra loro". Ieri le autorita' di Kabul avevano annunciato imminenti contatti con gli ex studenti coranici, che domani dovrebbero essere preceduti da un incontro tra emissari loro e statunitensi in Qatar, dove i ribelli hanno appena aperto un ufficio di rappresentanza.

Tags:
afghanistan
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.