La storia sembra ripetersi. Alain Juppé e Nicolas Sarkozy , furono rivali 35 anni fa, e ancora una volta diventano potenziali avversari. I sondaggi, infatti, li individuano come migliori candidati per le presidenziali del  2017. Se l'ex presidente distanzia  il sindaco di Bordeaux nei sondaggi per le primarie nel 2016,  i due sono testa a testa per quanto riguarda la popolarità.

 E' stato François Fillona spingere Juppè dietro  Sarkozy. Tra di loro ci sono ostilità sconosciute ai più. I loro rapporti sono cordiali tanto che, qulche giorno fa si sono incontrati dopo un concerto di Carla Bruni e hanno parlato per mezz'ora. .

Il RITORNO DI SARKOZY - Di certo c'è che l'ex presidente ha deciso di tornare dall'estate del 2014, mentre Juppe preferisce puntare ad essere rieletto come sindaco di Bordeaux.  D'altra parte con i sondaggi che danno Francois Hollande al minimo storico di popolarita', le voci su un ritorno di Nicolas Sarkozy sulla scena politica francese si fanno sempre piu' insistenti.

Anche se prima di un'eventuale 'rentree', l'ex presidente, prosciolto dall'affaire Bettencourt a ottobre, dovra' pero' chiarire la sua posizione in ordine ad ameno altre quattro inchieste giudiziarie. Il cosiddetto 'caso Karachi', sul presunto finanziamento con fondi pakistani della campagna presidenziale di Edouard Balladur, nel 1995, quando Sarkozy era il suo portavoce; le accuse di finanziamento illegale della sua campagna del 2007 con fondi libici; nel 'caso Tapie', la giustizia indaga sul pagamento di un indennizzo milionario all'imprenditore Bernard Tapie, indennizzo di gran lunga superiore a quello che gli spettava, deciso dall'attuale direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, all'epoca ministro dell'economia del governo di centro-destra. E infine l'ex presidente deve chiarire l'accusa di aver usato fondi pubblici per curare sondaggi per il suo partito.

Negli ultimi tempi, ovunque vada, l'ex inquilino dell'Eliseo viene accolto da applausi, suscitando interesse tra i presenti, presi dalla fatidica domanda inespressa: si ricandidera'? Tra i sostenitori del suo partito, l'Unione per un movimento popolare (Ump), in molto non hanno dubbi: per le elezioni presidenziali del 2017 l'ex capo di Stato sara' di nuovo in pista. Come ha sottolineato l'ex ministro Dominique Bussereau su Le Monde, "non c'e' visitatore di Nicolas Sarkozy che non se ne vada senza l'idea che abbia voglia di essere candidato". Per tenere vivo il ricordo, negli ultimi mesi Sarkozy non ha lesinato i messaggi al suo tradizionale elettorato, con visite, uscite e un documentario ad hoc con un dietro le quinte sulla sua vita privata. Mercoledi', era al concerto della moglie Carla Bruni a Longjumeau: accolto dagli applausi, si e' detto "emozionato".
  "Lei mi ha cosi' sostenuto, che il minimo che possa fare e' sostenerla a mia volta ed essere con lei", ha spiegato ai microfoni, tagliando corto su un possibile ritorno in politica, con un secco "sono un fan di Carla Bruni e questo e' tutto".


  Nei giorni scorsi è stata la volta di una visita all'Assemblea Nazionale, ospite d'onore al pranzo annuale dell'Associazione Chaban-Delmas. Ventidue minuti di discorso, un'occasione per richiamare alla memoria l'eredita' di Jacques Chaban-Delmas, il padre della "nuova societa'", e per abbozzare dei segnali, ma senza mai andare oltre, con un sorriso divertito sulle labbra, come ha sottolineato Le Figaro. Il suo attivismo ha messo in fibrillazione il campo conservatore, con i principali esponenti del partito decisi ad anticipare le primarie per le presidenziali, per sparigliare le carte e costringere l'ex presidente a rientrare in gioco prima del previsto, quel periodo "tra l'autunno 2014 e l'autunno 2015" indicato da una fonte a lui vicina.

Dall'autunno 2016 inizialmente previsto per le primarie, il sindaco di Bordeaux Alain Juppe' ha proposto l'inizio del 2016, subito seguito dal deputato Eric Ciotti che ha addirittura avanzato l'idea del 2015. Un modo, sostengono gli avversari dell'ex presidente, per soffocare piu' velocemente le lotte intestine nel partito. La speranza e' che, una volta rientrato sulla scena politica, Sarkozy, al momento il preferito tra i simpatizzanti, si bruci a sua volta. Ma finora, i tentativi di modificare il calendario delle primarie si sono infranti contro le resistenze di Jean-Francois Cope', presidente dell'Ump e alleato politico di Sarkozy

2013-12-02T19:07:41.283+01:002013-12-07T13:00:00+01:00truetrue1056116falsefalse353Esteri/esteri4130983815462013-12-02T19:07:41.347+01:0010562013-12-07T14:05:19.197+01:000/esteri/alain-jupp-nicolas-sarkozy021213false2013-12-07T13:17:07.81+01:00309838it-IT102013-12-07T13:00:00"] }
A- A+
Esteri
sarkozy hollande
 

La storia sembra ripetersi. Alain Juppé e Nicolas Sarkozy , furono rivali 35 anni fa, e ancora una volta diventano potenziali avversari. I sondaggi, infatti, li individuano come migliori candidati per le presidenziali del  2017. Se l'ex presidente distanzia  il sindaco di Bordeaux nei sondaggi per le primarie nel 2016,  i due sono testa a testa per quanto riguarda la popolarità.

 E' stato François Fillona spingere Juppè dietro  Sarkozy. Tra di loro ci sono ostilità sconosciute ai più. I loro rapporti sono cordiali tanto che, qulche giorno fa si sono incontrati dopo un concerto di Carla Bruni e hanno parlato per mezz'ora. .

Il RITORNO DI SARKOZY - Di certo c'è che l'ex presidente ha deciso di tornare dall'estate del 2014, mentre Juppe preferisce puntare ad essere rieletto come sindaco di Bordeaux.  D'altra parte con i sondaggi che danno Francois Hollande al minimo storico di popolarita', le voci su un ritorno di Nicolas Sarkozy sulla scena politica francese si fanno sempre piu' insistenti.

Anche se prima di un'eventuale 'rentree', l'ex presidente, prosciolto dall'affaire Bettencourt a ottobre, dovra' pero' chiarire la sua posizione in ordine ad ameno altre quattro inchieste giudiziarie. Il cosiddetto 'caso Karachi', sul presunto finanziamento con fondi pakistani della campagna presidenziale di Edouard Balladur, nel 1995, quando Sarkozy era il suo portavoce; le accuse di finanziamento illegale della sua campagna del 2007 con fondi libici; nel 'caso Tapie', la giustizia indaga sul pagamento di un indennizzo milionario all'imprenditore Bernard Tapie, indennizzo di gran lunga superiore a quello che gli spettava, deciso dall'attuale direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, all'epoca ministro dell'economia del governo di centro-destra. E infine l'ex presidente deve chiarire l'accusa di aver usato fondi pubblici per curare sondaggi per il suo partito.

Negli ultimi tempi, ovunque vada, l'ex inquilino dell'Eliseo viene accolto da applausi, suscitando interesse tra i presenti, presi dalla fatidica domanda inespressa: si ricandidera'? Tra i sostenitori del suo partito, l'Unione per un movimento popolare (Ump), in molto non hanno dubbi: per le elezioni presidenziali del 2017 l'ex capo di Stato sara' di nuovo in pista. Come ha sottolineato l'ex ministro Dominique Bussereau su Le Monde, "non c'e' visitatore di Nicolas Sarkozy che non se ne vada senza l'idea che abbia voglia di essere candidato". Per tenere vivo il ricordo, negli ultimi mesi Sarkozy non ha lesinato i messaggi al suo tradizionale elettorato, con visite, uscite e un documentario ad hoc con un dietro le quinte sulla sua vita privata. Mercoledi', era al concerto della moglie Carla Bruni a Longjumeau: accolto dagli applausi, si e' detto "emozionato".
  "Lei mi ha cosi' sostenuto, che il minimo che possa fare e' sostenerla a mia volta ed essere con lei", ha spiegato ai microfoni, tagliando corto su un possibile ritorno in politica, con un secco "sono un fan di Carla Bruni e questo e' tutto".


  Nei giorni scorsi è stata la volta di una visita all'Assemblea Nazionale, ospite d'onore al pranzo annuale dell'Associazione Chaban-Delmas. Ventidue minuti di discorso, un'occasione per richiamare alla memoria l'eredita' di Jacques Chaban-Delmas, il padre della "nuova societa'", e per abbozzare dei segnali, ma senza mai andare oltre, con un sorriso divertito sulle labbra, come ha sottolineato Le Figaro. Il suo attivismo ha messo in fibrillazione il campo conservatore, con i principali esponenti del partito decisi ad anticipare le primarie per le presidenziali, per sparigliare le carte e costringere l'ex presidente a rientrare in gioco prima del previsto, quel periodo "tra l'autunno 2014 e l'autunno 2015" indicato da una fonte a lui vicina.

Dall'autunno 2016 inizialmente previsto per le primarie, il sindaco di Bordeaux Alain Juppe' ha proposto l'inizio del 2016, subito seguito dal deputato Eric Ciotti che ha addirittura avanzato l'idea del 2015. Un modo, sostengono gli avversari dell'ex presidente, per soffocare piu' velocemente le lotte intestine nel partito. La speranza e' che, una volta rientrato sulla scena politica, Sarkozy, al momento il preferito tra i simpatizzanti, si bruci a sua volta. Ma finora, i tentativi di modificare il calendario delle primarie si sono infranti contro le resistenze di Jean-Francois Cope', presidente dell'Ump e alleato politico di Sarkozy

Tags:
alain juppèsarkozyrivalità
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.