A- A+
Esteri
Rebus governo in Tunisia dopo il voto

Il partito anti-islamista Nidaa Tounes ha vinto le elezioni legislative in Tunisia conquistando 85 dei 217 seggi dell'Assemblea dei rappresentati del popolo. Ennahda, grande favorita della vigilia, ne ha presi 69 mentre l'Unione patriottica libera (Upl) dell'uomo d'affari Slim Riahi è arrivata terza con 16 seggi.   
 
I dati confermano il pesante crollo subito da Ennahda, partito d'ispirazione islamica, e dal suo alleato, Congresso per la Repubblica del presidente Moncef  Marzouki, che già sospettano casi di frodi e abusi nello scrutinio. Il segretario generale di Ennahd, Samir Dilou, ha inoltre detto di temere che si voglia preparare un ritorno sulla scena politica tunisina dell'Rcd (il disciolto partito dell'ex dittatore Ben Ali) attraverso  il suo “volto più laico”. E' noto, infatti, che all'interno di Nidaa Tounes vi siano anche elementi legati all'ex regime di Ben Ali. Resta da vedere, quale coalizione potrebbe guidare il paese, dal momento che, nonostante la vittoria, Nidaa Tounes non ha i numeri per poter costituire un governo da solo. Si potrebbe profilare, addirittura, una grande coalizione con Ennahda. Tuttavia, è previsto che il partito vincitore formerà il governo solo dopo le elezioni presidenziali, in programma per il 23 novembre dove si sfideranno 27 candidati.
Quelle di domenica 26 ottobre sono state le prime elezioni in Tunisia dopo la Rivoluzione dei Gelsomini e la partecipazione al voto si è attestata al 69% degli aventi diritto. I tunisini sono stati chiamati alle urne per eleggere i componenti del primo parlamento democratico; quello attuale, infatti, è in realtà l'Assemblea costituente eletta nel 2011.
Tra tutti i paesi interessati dalla cosiddetta Primavera Araba, la Tunisia è quello che presenta maggiori motivi di ottimismo grazie alla relativa linearità del processo di transizione, l'emarginazione delle forze radicali e la capacità dei partiti di giungere a compromessi. Tuttavia, vi sono ancora delle sfide che gettano delle ombre sul futuro del paese: la situazione economica ancora molto critica, l'emergenza sicurezza legata alla comparsa di gruppi jihadisti, la disaffezione dei cittadini verso la politica. Il risultato delle elezioni e le reazioni delle forze politiche rappresentano quindi passaggi particolarmente importanti e delicati per valutare la solidità del processo di transizione e le reali chance del paese di affermarsi come esempio di successo nel mondo arabo.

http://www.ispionline.it/

Tags:
tunisia
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.