A- A+
Esteri

Un nuovo sanguinoso attentato a Beirut ha riportato drammaticamente alla ribalta le ricadute della guerra civile in Siria sui Paesi della regione: un'autobomba ha ucciso l'ex ministro delle Finanze libanese Mohammed Shattah, economista sunnita vicino all'opposizione e critico del regime siriano, e altre quattro persone.

Stretto consigliere dell'ex premier Saad Hariri, il cui padre fu assassinato sul lungomare di Beirut con un'autobomba nel febbraio 2005, il 62enne Shattah si stava recando a una riunione della Coalizione 14 Marzo, vicina all'opposizione siriana, che si sarebbe dovuta tenere proprio nella casa di Hariri. L'ex premier ha subito accusato il movimento sciita Hezbollah: pur senza fare esplicitamente il nome del Partito di Dio, ha puntato l'indice contro "quanti fuggono la giustizia internazionale" per l'attentato a suo padre, Rafik Hariri. "Per quanto riguarda i sospetti... sono quelli che cercano di sottrarsi alla giustizia internazionale e rifiutano di presentarsi di fronte al tribunale internazionale", ha detto, ricordando il processo all'Aja contro i cinque uomini di Hezbollah incriminati per l'attentato contro suo padre, che si aprira' a gennaio con gli imputati tuttora latitanti. Hezbollah ha sempre negato qualsiasi ruolo nell'assassinio di Hariri, ha rifiutato di collaborare con il tribunale, che considera politicizzato.

Shattah, un sunnita, era un aperto oppositore di Hezbollah, tanto che meno di un'ora prima dell'esplosione su Twitter aveva accusato il gruppo di voler prendere il controllo del Paese: "Hezbollah sta lavorando alacremente per ottenere gli stessi poteri nella politica estera e di sicurezza che ha avuto la Siria in Libano per 15 anni".

E adesso il Libano si lecca le ferite. L'attentato, che ha causato la morte di altre cinque persone e decine di feriti, e' avvenuto nel pieno centro cittadino, nella strada piu' prestigiosa di Beirut, dove ci sono banche, ministeri e anche il Serail, il complesso roccaforte del governo e dove si trova l'ufficio del premier, Najib Mikati. Poco lontano da li', nella piazza dei Martiri, e' sepolto Rafik Hariri e accanto a lui, il generale Wissam al-Hassan, il capo dell'intelligence anti-Siria ucciso in un attentato un anno e mezzo fa.

L'Italia ha espresso la piu' ferma condanna dell'attentato e, di fronte a questo criminale tentativo di destabilizzazione, ha riaffermato il suo piu' convinto sostegno alle istituzioni libanesi e alla sicurezza e stabilita' del Paese.

Tags:
libanoautobomba
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.