A- A+
Esteri
Black Lives Matter, governo britannico ai musei: ‘No a rimozione delle opere’

Stop alla rimozione di statue e opere controverse: è questo il messaggio di una lettera inviata lo scorso 22 settembre dal governo britannico a 26 musei che ricevono finanziamenti pubblici. La comunicazione, riporta il Telegraph, è firmata dal segretario di stato alla cultura, Oliver Dowden, che vuole chiarire la posizione del governo di Boris Johnson sull’attività di ripensamento delle esposizioni museali in seguito all'attenzione mediatica ottenuta dal movimento Black Lives Matter.

L’esecutivo infatti “non supporta la rimozione di statue o oggetti similari. La storia comporta complessità morale. Le statue e altri oggetti storici sono stati creati da generazioni con diversi punti di visita e diversi modi di comprendere cosa sia giusto e cosa sia sbagliato. Alcune rappresentano figure che hanno detto o fatto cose che oggi potremmo ritenere profondamente offensive, e che non difenderemmo. Tuttavia, anche se oggi potremmo non essere d’accordo con coloro che hanno creato quegli oggetti o con coloro che quegli oggetti rappresentano, gli stessi rivestono comunque un ruolo importante per insegnarci il nostro passato, con tutti i suoi errori”.

I musei dovrebbero invece “cercare di contestualizzare o reinterpretare gli oggetti secondo modalità che consentano al pubblico di conoscerli nella loro interezza”, piuttosto che “cancellare” gli oggetti. Poi l’affondo: “In quanto enti che ricevono fondi pubblici, non dovreste prendere azioni motivate da attivismo o politica”. E ancora: “Il rilevante supporto che ricevete dai contribuenti è un riconoscimento all’importante ruolo culturale che rivestite per l’intero paese. È imperativo che continuiate ad agire in modo imparziale, in linea con il vostro status di enti che ricevono sovvenzioni pubbliche, e non secondo modalità che mettono tutto questo in discussione”.

Alcuni musei confermano di aver ricevuto il documento, tra cui il British Museum, il Victoria and Albert, la National Portrait Gallery, i National Museums di Liverpool, lo Science Museum di Londra. Ma molti commentatori indicano come principale destinatario della “diffida” il British Museum, che questa estate ha spostato la statua del suo fondatore, Hans Sloane, medico e naturalista ma anche schiavista, dallo storico piedistallo, per sistemarla in una posizione più dimessa e contestualizzata.

E infatti il primo museo a rispondere alla lettera del governo è stato proprio il British Museum che ha puntualizzato di non aver “alcuna intenzione di rimuovere oggetti controversi. Al contrario, cercherà, dove appropriato, di contestualizzarli o reinterpretarli secondo modalità che consentano al pubblico di conoscerli nella loro interezza”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    black lives mattergoverno britannicomuseimusei britannicirimozione opere dai museibritish museumhans sloane
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela il nuovo HILUX

    Toyota svela il nuovo HILUX


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.