A- A+
Esteri
Bosnia, criminale di guerra si uccide con il veleno in tribunale all'Aja

E' morto Slobodan Praljak, l'ex generale delle forze croate in Bosnia, che stamane aveva bevuto una fiala di veleno durante l'udienza di appello di fronte al Tribunale penale internazionale per l'Ex Jugoslavia. Lo riferisce Russia Today citando una televisione croata.

I giudici avevano appena confermato la sua condanna a 20 anni di carcere per crimini di guerra, quando l'uomo, gridando "Praljak non e' un criminale", aveva tirato fuori una fiala e aveva bevuto il liquido, tra le urla del suo avvocato secondo il quale si trattava di veleno. Sull'accaduto stanno indagando gli investigatori olandesi. Praljak era stato accusato, tra l'altro, di aver ordinato la distruzione del famoso ponte di Mostar nel novembre 1993, un atto che secondo i giudici "aveva causato danni sproporzionati alla popolazione civile musulmana".  

 

GUARDA IL VIDEO

Tags:
bosnia praljak velenopraljak veleno processo
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.