A- A+
Esteri
Cina e Brasile, picconata al dollaro Usa: scambi commerciali in yuan e reais

Accordo tra Cina e Brasile: stop all'uso del dollaro negli scambi commerciali

Nuovo colpo di Xi Jinping nella sua strategia di dedollarizzazione. La Cina e il Brasile hanno infatti raggiunto un accordo per commerciare nelle proprie valute, abbandonando il dollaro statunitense come intermediario. L'accordo consentirà alla Cina, il principale rivale dell'egemonia economica statunitense, e al Brasile, la più grande economia dell'America Latina, di condurre le loro massicce transazioni commerciali e finanziarie direttamente, scambiando yuan con reais e viceversa invece di passare attraverso il dollaro statunitense.

L'Agenzia brasiliana per la promozione del commercio e degli investimenti (ApexBrasil) ha dichiarato: "Ci aspettiamo che ciò riduca i costi, promuova un commercio bilaterale ancora più intenso e faciliti gli investimenti". La Cina è il principale partner commerciale del Brasile, con un commercio bilaterale record di 150,5 miliardi di dollari lo scorso anno.

L'accordo, che fa seguito a un accordo preliminare di gennaio, è stato annunciato dopo un forum commerciale di alto livello Cina-Brasile a Pechino. Avrebbe dovuto essere presentato durante la visita del presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva a Pechino, ma in extremis ha dovuto rinviare il suo viaggio a tempo indeterminato a causa di una polmonite.

La Industrial and Commercial Bank of China e la Bank of Communications BBM eseguiranno le transazioni. Gli accordi promuoveranno l'utilizzo del renminbi per le transazioni transfrontaliere tra le imprese e le istituzioni finanziarie dei due Paesi e faciliteranno ulteriormente il commercio e gli investimenti bilaterali, ha dichiarato la Banca centrale cinese.

La strategia di dedollarizzazione di Xi Jinping

Si tratta solo dell'ultimo passo della Cina sulla strada della sfida al dominio globale del dollaro statunitense. Nel recente passato, infatti, Pechino ha stipulato accordi valutari simili con la Russia, il Pakistan e diversi altri Paesi.

Il risultato più interessante del vertice della scorsa settimana tra Vladimir Putin e Xi Jinping è centrato proprio sul tema. Putin ha dichiarato: "Siamo favorevoli all'uso dello yuan cinese per gli accordi tra la Russia e i Paesi dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina". Quindi la seconda economia mondiale e il suo più grande esportatore di energia stanno cercando attivamente di intaccare il dominio del dollaro come ancoraggio del sistema finanziario internazionale.

Le sanzioni imposte alla Russia per l'invasione dell'Ucraina, unite all'approccio sempre più conflittuale di Washington nei confronti della Cina, hanno creato una tempesta perfetta in cui sia la Russia che la Cina stanno accelerando gli sforzi di diversificazione dal dollaro. Le loro banche centrali conservano meno riserve in dollari e la maggior parte degli scambi commerciali viene regolata in yuan. Inoltre, come ha osservato Putin, si stanno adoperando per convincere altri Paesi a seguirne l'esempio.

L'accordo col Brasile è un passo rilevante in questa direzione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
brasilecinadollarointerscambio commerciale





in evidenza
Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

Analogie tra bandiere in panca

Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.