China Leaks/ Alcuni vertici del partito comunista hanno conti correnti nel paradiso fiscale delle isole Vergini Britanniche, ottenuti con la mediazione di colossi finanziari occidentali. Lo scrive il quotidiano inglese Guardian, che sarebbe venuto in possesso di alcuni documenti riservati. Uno scandalo che sconvolge Repubblica popolare cinese dopo lo scoop del New York Times sulle ricchezze nascoste dell'ex premier cinese Wen Jabao e che arriva proprio nel momento in cui l'attuale premier Xi Jinping ha avviato una campagna su larga scala per combattere la corruzione.

Secondo il Guardian molti politici ai vertici del partito comunista e i loro famigliari nasconderebbero fortune nei paradisi fiscali all'estero - alle Isole Vergini piuttosto che a Samoa o in altri paradisi caraibici o polinesiani - con l'aiuto di colossi finanziari occidentali. Il quotidiano britannico ha ottenuto documenti dall'International Consortium of Investigative Journalists. Il nome più illustre - ad essere indirettamente coinvolto - è proprio quello del presidente Xi Jinping. Suo cognato Deng Jiagui, uomo d'affari e marito dal 1996 della sorella maggiore del presidente, controlla il 50% di un impero immobiliare. I due soci cui fa riferimento il resto dell'azienda hanno conquistato lo scorso anno un 'appalto' dal controvalore di 2 miliardi di dollari. 

Ma sono coinvolti anche Wen Yunsong e Liu Chunang, rispettivamente, figlio e genero dell’ex premier Wen Jiabao, rimasto in carica fino al 2013. Una lista di almeno 15 persone tra le più facoltose della Cina e di Hong Kong: membri del partito, top manager di aziende statali coinvolte anche in scandali per corruzione.

2014-01-22T17:25:55.523+01:002014-01-22T17:25:00+01:00truetrue1296116falsefalse353Esteri/esteri4131517612962014-01-22T17:25:56.99+01:0012962014-01-23T10:26:55.897+01:000/esteri/cina-comunisti220113false2014-01-22T19:10:26.173+01:00315176it-IT102014-01-22T17:25:00"] }
A- A+
Esteri
Xi Jinping
 

China Leaks/ Alcuni vertici del partito comunista hanno conti correnti nel paradiso fiscale delle isole Vergini Britanniche, ottenuti con la mediazione di colossi finanziari occidentali. Lo scrive il quotidiano inglese Guardian, che sarebbe venuto in possesso di alcuni documenti riservati. Uno scandalo che sconvolge Repubblica popolare cinese dopo lo scoop del New York Times sulle ricchezze nascoste dell'ex premier cinese Wen Jabao e che arriva proprio nel momento in cui l'attuale premier Xi Jinping ha avviato una campagna su larga scala per combattere la corruzione.

Secondo il Guardian molti politici ai vertici del partito comunista e i loro famigliari nasconderebbero fortune nei paradisi fiscali all'estero - alle Isole Vergini piuttosto che a Samoa o in altri paradisi caraibici o polinesiani - con l'aiuto di colossi finanziari occidentali. Il quotidiano britannico ha ottenuto documenti dall'International Consortium of Investigative Journalists. Il nome più illustre - ad essere indirettamente coinvolto - è proprio quello del presidente Xi Jinping. Suo cognato Deng Jiagui, uomo d'affari e marito dal 1996 della sorella maggiore del presidente, controlla il 50% di un impero immobiliare. I due soci cui fa riferimento il resto dell'azienda hanno conquistato lo scorso anno un 'appalto' dal controvalore di 2 miliardi di dollari. 

Ma sono coinvolti anche Wen Yunsong e Liu Chunang, rispettivamente, figlio e genero dell’ex premier Wen Jiabao, rimasto in carica fino al 2013. Una lista di almeno 15 persone tra le più facoltose della Cina e di Hong Kong: membri del partito, top manager di aziende statali coinvolte anche in scandali per corruzione.

Tags:
cinacomunistipartitoconti
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.