BANNER

La Cina dice basta alle torture per estorcere confessioni

. A vietarle espressamente per la prima volta e' la Corte Suprema del Popolo in un documento contente le linee guida per gli interrogatori. Il documento e' stato diffuso una settimana dopo l'annuncio di una serie di riforme nel sistema penale che comprendono l'abolizione dei famigerati campi di lavoro. "Gli interrogatori sotto tortura, usati per estorcere una confessione", si legge nelle linee guida, "cosi' come l'uso di metodi legati all'esposizione al freddo al caldo, alla fame, alla sete, all'eccessivo stress, o altri metodi illegali per ottenere confessioni dagli accusati, devono essere eliminati". Al bando anche l'uso disinvolto della pena di morte: le regole per la condanna capitale saranno piu' rigide e la sentenza potra' essere inflitta solo da giudici esperti e a fronte di un numero consistente di prove.

La Corte Suprema ha poi sottolineato che i tribunali cinesi non devono piegarsi alle pressioni dei media o alle "irragionevoli richieste delle parti in causa" per evitare che, come accaduto in alcuni casi, la protesta sulla Rete possa cambiare il corso di processi o modificare le sentenze. La Corte Suprema cinese aveva gia' reso pubblico il mese scorso un documento in cui chiedeva la fine della corruzione nei tribunali e la fine delle interferenze esterne nelle decisioni dei giudici.

La settimana scorsa il Partito Comunista Cinese ha varato una serie di riforme durante il terzo plenum del Comitato Centrale che hanno toccato quindici aree di intervento, tra cui la giustizia, che dovra' essere piu' trasparente ed efficiente. I primi segnali di cambiamento stanno arrivando con la fine del sistema extra-giudiziale del 'laojiao', prevista nel prossimo futuro, che prevede la detenzione fino a quattro anni in apposite strutture per chi si e' macchiato di reati minori.

2013-11-21T18:57:01.09+01:002013-11-21T18:57:00+01:00truetrue1546116falsefalse353Esteri/esteri4130850515462013-11-21T18:57:01.217+01:0015462013-11-22T15:45:29.257+01:000/esteri/cina-corte-suprema-vieta-la-tortura211113false2013-11-21T18:59:51.243+01:00308505it-IT102013-11-21T18:57:00"] }
A- A+
Esteri

 

 

cina giappone

BANNER

La Cina dice basta alle torture per estorcere confessioni

. A vietarle espressamente per la prima volta e' la Corte Suprema del Popolo in un documento contente le linee guida per gli interrogatori. Il documento e' stato diffuso una settimana dopo l'annuncio di una serie di riforme nel sistema penale che comprendono l'abolizione dei famigerati campi di lavoro. "Gli interrogatori sotto tortura, usati per estorcere una confessione", si legge nelle linee guida, "cosi' come l'uso di metodi legati all'esposizione al freddo al caldo, alla fame, alla sete, all'eccessivo stress, o altri metodi illegali per ottenere confessioni dagli accusati, devono essere eliminati". Al bando anche l'uso disinvolto della pena di morte: le regole per la condanna capitale saranno piu' rigide e la sentenza potra' essere inflitta solo da giudici esperti e a fronte di un numero consistente di prove.

La Corte Suprema ha poi sottolineato che i tribunali cinesi non devono piegarsi alle pressioni dei media o alle "irragionevoli richieste delle parti in causa" per evitare che, come accaduto in alcuni casi, la protesta sulla Rete possa cambiare il corso di processi o modificare le sentenze. La Corte Suprema cinese aveva gia' reso pubblico il mese scorso un documento in cui chiedeva la fine della corruzione nei tribunali e la fine delle interferenze esterne nelle decisioni dei giudici.

La settimana scorsa il Partito Comunista Cinese ha varato una serie di riforme durante il terzo plenum del Comitato Centrale che hanno toccato quindici aree di intervento, tra cui la giustizia, che dovra' essere piu' trasparente ed efficiente. I primi segnali di cambiamento stanno arrivando con la fine del sistema extra-giudiziale del 'laojiao', prevista nel prossimo futuro, che prevede la detenzione fino a quattro anni in apposite strutture per chi si e' macchiato di reati minori.

Tags:
cinatorturainterrogatori
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.