A- A+
Esteri
Cina, gli archivi britannici: "A Tienanmen ci furono più di 10 mila morti"

Non alcune centinaia o poco piu' di un migliaio, come si credeva finora: le persone uccise nell'intervento dell'esercito cinese in piazza Tienanmen domenica 4 giugno 1989 sarebbero state almeno 10.000. Lo si legge in un cablogramma segreto appena desecretato che fornisce macabri dettagli macabri dello spargimento di sangue a Pechino.

"Stima minima di 10.000 morti civili", scrisse l'allora ambasciatore britannico, Alan Donald, in un telegramma a Londra. Il documento, che e' reso pubblico a piu' di 28 anni di distanza, e' negli Archivi nazionali britannici. La stima, fornita il 5 giugno 1989, all'indomani della repressione delle proteste degli studenti, e' 10 volte piu' alta delle stime comunemente accettate all'epoca. Secondo gli esperti la cifra britannica e' credibile, dato che anche documenti statunitensi recentemente desecretati hanno fornito una stima simile.

"Sono due fonti piuttosto indipendenti che dicono la stessa cosa", ha osservato Cabestan, professore all'Universita' Battista di Hong Kong. Il rapporto dell'ambasciatore britannico "non e' particolarmente sorprendente considerando quanto fosse alto a Pechino il numero di persone mobilitate" contro il governo cinese, ha detto Cabestan, che era nella capitale cinese nei giorni precedenti alla repressione.

Il racconto del diplomatico britannico ha fornito orribili dettagli della violenza scatenata nella notte del 3-4 giugno quando l'esercito entro' nel centro di Pechino per porre fine a sette settimane di proteste in piazza Tiananmen, il cuore simbolico del potere comunista. Durante la loro avanzata, i blindati "hanno aperto il fuoco sulla folla (sia civili che militari) prima di investirli", scriveva Donald citando come fonte una persona che "stava trasmettendo informazioni fornitegli da un amico membro del Consiglio di Stato", il gabinetto cinese. Una volta arrivati i soldati in Piazza Tienanmen, "gli studenti hanno capito che e' stata concessa un'ora per lasciare la piazza, ma dopo cinque minuti i blindati hanno attaccato", ha scritto Donald.

"Gli studenti hanno abbandonato le armi ma sono stati falciati, inclusi i soldati, quindi i mezzi blindati hanno investito di volta in volta i cadaveri, schiacciandoli, per poi raccoglierli con le ruspe: i resti sono stati inceneriti e smaltiti nelle fogne". Alla fine di giugno del 1989, il governo cinese aveva dichiarato che la soppressione delle "rivolte controrivoluzionarie" aveva ucciso 200 civili e diverse decine di poliziotti e militari. A quasi trent'anni dalla repressione, il regime comunista continua a vietare qualsiasi discussione sull'argomento, bandendolo dai libri di testo e dai media e censurandolo su Internet.

Tags:
cina archivi britannici tienanmen morti
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.