A- A+
Esteri
Cina, nuova campagna anticorruzione: la lunga marcia di Xi verso il 3° mandato

La Lunga Marcia è iniziata. Stavolta nessuno percorrerà dodicimila chilometri a piede come fecero Mao Zedong e i suoi seguaci tra il 1934 e il 1935. Ma la città di Yan'an, punto di arrivo dell'interminabile cammino di allora nella provincia dello Shaanxi, torna anche questa volta, nel lungo avvicinamento al ventesimo Congresso nazionale del Partito comunista cinese del 2022. Il Congresso che dovrebbe (potrebbe) dare il via libera al terzo mandato da presidente per Xi Jinping

Il lungo avvicinamento è cominciato con una doppia mossa. All'inizio di questa settimana, il PCC ha istituito una task force speciale per la "sicurezza politica". Una nuova entità nata all'interno di un gruppo di lavoro istituito lo scorso aprile dalla Commissione centrale per gli affari politici e legali e dedidato alla "sicurezza sociale" e alla risposta alla pandemia da coronavirus. La task force sarà incaricata di rispondere alle minacce alla sicurezza politica. Il report, pubblicato dal Procuratorial Daily, cita tra le possibili minacce: attività sovversive, azioni terroristiche, secessioni etniche ed estremismo religioso.

Se la prima mossa guarda al macro, dunque la tutela del partito e dell'integrità territoriale cinese, tema quantomai caro in un momento nel quale gli occhi del mondo sono rivolti a Hong Kong, Xinjiang e Taiwan, la seconda è pensata per avere effetti all'interno dello stesso sistema politico e del partito. Sempre la Commissione centrale per gli affari politici e legali ha infatti annunciato l'avvio di una nuova campagna anticorruzione rivolta al sistema giudiziario e, appunto, legale. 

A darne comunicazione è stato Chen Yixin, segretario generale della Commissione e fedelissimo di Xi Jinping. Chen, che ha assunto l'incarico nel 2018, è stato inviato anche a gestire l'epidemia nella provincia dello Hubei, l'epicentro iniziale della pandemia da coronavirus. Il suo arrivo a Wuhan, avvenuto nella prima metà di febbraio, ha rappresentato un momento cruciale per la retorica del partito sul Covid-19. Mandare Chin significava mandare il messaggio che il governo centrale prendeva con ancora più decisione in mano il timone, soppiantando quello locale. Uno shift narrativo cruciale.

Meno di cinque mesi dopo Chen lancia una nuova campagna anticorruzione e lo fa con un discorso molto forte, in cui fa riferimento all'urgente compito di "rimuovere completamente i tumori" della corruzione e in cui cita Yan'an e il movimento di rettifica degli anni precedenti alla proclamazione della Repubblica Popolare. Quella campagna rappresentò il primo esempio di mobilitazione di massa maoista che costituì poi la base di partenza per quanto accadde nei decenni successivi. Appare inevitabile che qualche nome importante possa pagarne le conseguenze. Secondo Bill Bishop di Sinocism, uno di questi potrebbe essere Meng Jianzhu, predecessore di Chen Yixin e membro del Politburo dal 2012 al 2017. 

Appre in ogni caso chiaro che Xi voglia aumentare ancora di più la sua presa interna e non rischiare sorprese nella lunga marcia verso il suo terzo mandato.

Commenti
    Tags:
    cinanuova campagnaxi jinping
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Belen: "Sono sparita dai social, è vero, ma c'è un motivo: sono gelosa"

    Belen: "Sono sparita dai social, è vero, ma c'è un motivo: sono gelosa"


    casa, immobiliare
    motori
    Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

    Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.