A- A+
Esteri

E' stato condannato alla pena di morte con sospensione di due anni l'ex ministro delle Ferrovie cinese, Liu Zhijun, rimasto coinvolto in uno dei piu' grandi scandali di corruzione avvenuti negli ultimi anni in Cina. Liu Zhijun era stato formalmente accusato il 10 aprile scorso di corruzione e abuso di potere. La condanna a morte sospesa e' generalmente tramutata nell'attuale ordinamento giuridico cinese in ergastolo. Oltre alla detenzione, l'imputato, scrive l'agenzia stampa Xinhua che riporta la notizia, e' stato privato a vita dei diritti politici e gli sono stati confiscati tutti i beni personali per l'accusa di corruzione. Il tribunale di Pechino che ha emesso la sentenza ha poi condannato Liu a dieci anni di carcere per l'altra accusa a suo carico, quella di abuso di potere.

Dal 1986 al febbraio 2011, quando venne defenestrato, Liu Zhijun, prima come funzionario delle Ferrovie a livello locale, e poi come ministro, avrebbe aiutato illegalmente almeno undici persone a ottenere promozioni, contratti favorevoli e partecipazioni infrangendo al legge e provocando "colossali perdite" agli asset pubblici. Liu ha accettato, secondo il verdetto del giudice, tangenti per 64,6 milioni di yuan, circa 8,2 milioni di euro. La Corte ha deciso di non infliggere la pena di morte all'imputato, secondo quanto riporta la Xinhua, perche' Liu ha confessato i reati da lui commessi, si e' dichiarato colpevole e si e' mostrato pentito.

Uno dei casi di corruzione piu' gravi all'epoca in cui era ministro riguarda l'alta velocita', e in particolare la tratta Pechino-Shanghai, che secondo l'Ufficio Nazionale di Revisione dei Conti aveva debiti per centinaia di miliardi di yuan a maggio 2011. Anche il clamoroso incidente ferroviario del luglio 2011 -quando due treni ad alta velocita' si scontrarono all'altezza di Wenzhou provocando la morte di quaranta persone, tra cui una ragazza italiana- avrebbe sullo sfondo il sistema di corruzione messo in piedi dall'ex ministro delle Ferrovie, secondo un'inchiesta del New Yorker: ossessionato dalla velocita', Liu Zhijun avrebbe dato il via libera alla tratta trascurando i difetti dell'impianto che sono stati all'origine dello scontro letale tra i due convogli.

Tags:
cinaministro ferroviepena di morte
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Honda svela la nuovo generazione di HR-V

Honda svela la nuovo generazione di HR-V


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.