A- A+
Esteri
Cina, dominio su antibiotici e antidolorifici. Ue e Italia super dipendenti
Una farmacia in Cina

Europa dipendente dalla Cina su antibiotici e altri farmaci

Non solo la dipendenza sulle esportazioni. C'è un altro settore, di cui si parla molto meno, in cui i paesi dell'Unione europea hanno sviluppato una profonda dipendenza nei confronti della Cina. Si tratta dei medicinali, in particolare degli antibiotici. E c'è chi arriva a immaginare una potenziale crisi, qualora i rapporti tra Pechino e occidente peggiorassero improvvisamente. In particolare l'Italia segue con attenzione, visto che il governo Meloni potrebbe presto annunciare l'uscita dalla Via della Seta, esponendosi a potenziali ritorsioni di Pechino.

Qualche numero. Come sottolinea Politico, i dati del settore mostrano che l'Europa produce oggi solo un quarto degli ingredienti farmaceutici attivi del mondo, rispetto alla metà del 2000, e si affida sempre più alle importazioni. Cina e India ne producono più della metà ma è sempre Pechino a farla da padrone, visto che gli input indiani dipendono proprio dalle importazioni dalla Repubblica Popolare.

L'eccessiva dipendenza dell'Ue dalla Cina per i farmaci può essere attribuita a diversi fattori. In primo luogo, la posizione dominante della Cina nel mercato farmaceutico mondiale, alimentata dalle sue capacità produttive su larga scala e dai costi di manodopera più bassi, l'ha resa una fonte attraente per la produzione di farmaci. I Paesi europei si sono sempre più rivolti alla Cina per soddisfare la loro domanda di farmaci a prezzi accessibili, in quanto offre prezzi competitivi rispetto ai fornitori nazionali o europei.

In secondo luogo, la complessità della catena di approvvigionamento gioca un ruolo nella dipendenza dell'Ue dalla Cina. I prodotti farmaceutici comportano una catena di approvvigionamento globale molto intricata e la Cina si è posizionata come attore chiave diventando un importante produttore di ingredienti farmaceutici attivi (API), che sono componenti cruciali di molti farmaci. La dipendenza dell'Ue dalla Cina per gli API ha creato una situazione vulnerabile, rendendola suscettibile di interruzioni causate da tensioni geopolitiche, disastri naturali o problemi di controllo della qualità.

La riduzione del rischio voluta da Von der Leyen, mentre Meloni si prepara a decidere sulla Via della Seta

Politico elenca i settori specifici in cui la Cina ha conquistato una posizione semi dominante, a partire dagli antibiotici e la produzione della penicillina. Ma la Cina è anche un esportatore chiave in altre categorie, come i farmaci per la pressione sanguigna o gli antidolorifici. Inoltre, fornisce all'industria farmaceutica europea gli ingredienti di base per la produzione di una più ampia gamma di farmaci.

L'eccessiva dipendenza dell'Ue dalla Cina per i farmaci comporta rischi e conseguenze significative. In primo luogo, compromette la sicurezza e la resilienza dei sistemi sanitari dell'Ue. In tempi di crisi, ci si espone a problemi. Lo si è visto in occasione della pandemia di Covid-19, quando l'Italia dipendeva dalla Cina anche per le forniture sanitarie e protettive contro il virus, quantomeno in una prima fase. E in generale l'incapacità dell'Ue di produrre farmaci essenziali a livello nazionale o di diversificare le fonti di approvvigionamento può comportare una maggiore vulnerabilità e ostacolare gli sforzi di risposta alle emergenze.

Come uscirne? Gli esperti consigliano investimenti mitari nelle capacità produttive nazionali e nella promozione della ricerca e lo sviluppo nel settore farmaceutico. Ma secondo alcuni osservatori i paesi europei dovrebbero anche cercare di diversificare le proprie fonti di approvvigionamento stabilendo partenariati con altri paesi e regioni. Quella famosa "riduzione del rischio" teorizzata di recente dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che non significa disaccoppiamento ma comunque alzare le proprie difese e ridurre la dipendenza verso l'esterno. Non solo nei confronti della Cina.

Politico arriva a immaginare uno scenario drammatico in caso di un conflitto tra Cina e Taiwan. Con ipotetiche sanzioni o blocchi alle spedizioni che avrebbero conseguenze drastiche. Va sottolineato che non appare per nulla inevitabile un conflitto sullo Stretto fortunatamente, e anzi di Pechino sembra aver abbassato nettamente le tensioni. Ma quello della dipendenza sui medicinali, resta un caso di studio rilevante, forse ancora di più per un'Italia che a causa del pressing degli Stati Uniti sembra destinata a uscire dalla Belt and Road Initiative esponendosi a potenziali ripercussioni nei rapporti bilaterali con il gigante asiatico.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
belt and roadcinaitaliamedicinalivia della setaxi jinping





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


motori
Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.