A- A+
Esteri


 

Siria scontri (5)

Mattina di terrore e sangue a Damasco, nel centro della capitale che finora era stata abbastanza risparmiato dalle violenze di quasi due anni di conflitto. L'esplosione di un'autobomba nel cuore della citta' ha causato la morte di decine di persone, in gran parte civili; e molti sarebbero bambini. Nel mirino dell'"attacco terroristico", come l'ha definito l'agenzia di regime Sana, il quartier generale del partito di Bashar al-Assad, il Baath, nella via al-Thawra, nel quartiere centralissimo di al-Mazra. Il Libero Esercito Siriano ha smentito ogni responsabiilta', rigettando l'accusa sul regime. Secondo la tv ufficiale siriana, ci sono stati 53 morti e oltre 300 feriti. L'autobomba e' esplosa in un'area molto popolosa, a un checkpoint tra l'ambasciata russa e il quartier generale del Baath, in un'area che sarebbe altamente protetta. E' stato un inferno soprattutto per le case circostanti, ma anche numerose auto hanno perso fuoco e l'onda d'urto dell'esplosione ha investito le finestre della vicina legazione.

"Le vittime sono soprattutto passanti, studenti e gente che era al volante"", ha riferito l'agenzia Sana, secondo cui hanno subito danni anche l'ospedale al-Hayat e una scuola, la Abdullah Bin al-Zubir. I minuti immediatamente seguenti hanno offerto scene dantesche, con molti edifici avvolti da fiamme e una densa coltre di fumo nero che si levava nel cielo: cadaveri ovunque, feriti che si trascinavano per strada, gente che urlava e sirene delle ambulanze. L'episodio non e' l'unico di questa drammatica mattina nella capitale siriana. Subito dopo l'esplosione, altre due autobombe sono saltate in aria nel quartiere di Barzeh, di fronte a una delle sedi dell'intelligence, il cosiddetto Siria '211; e due proiettili di mortaio sono caduti vicino alla sede dello Stato maggiore della Difesa e al Comando Generale dell'esercito. Il tutto e' avvenuto mentre l'opposizione siriana si trova riunita al Cairo per discutere le condizioni delle eventuali trattative con il regime e la formazione di un governo di transizione. Un documento, che viene discusso nella 'due giorni', parla di un possibile accordo di pace, ma esclude Bashar al-Assad dal negoziato. "Qualunque gesto che abbia come obbiettivo l'assassinio di civili", si legge in una nota apparsa su Facebook degli oppositori riuniti nella capitale egiziana, "va condannato come terrorista, senza riguardi per chi lo ha commesso o giustificazioni di sorta". Intanto, da Roma, il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, fa sapere che 'Italia e' favorevole ad aumentare gli aiuti militari ai ribelli siriani e su questo tema i Paesi europei chiederanno agli Stati Uniti "maggiore flessibilita'" alla riunione del Gruppo di alto livello sulla Siria che si terra' giovedi' prossimo, presente il neosegretario di Stato americano, John Kerry.

Tags:
siriadamascoattentati
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.