A- A+
Esteri
NordCorea, Trump valuta un attacco. Lo dice la Cnn
Foto LaPresse

La possibilità di un'azione militare Usa contro la Corea del Nord, se questa dovesse sviluppare la capacità di colpire con missili nucleari il territorio degli Stati uniti, è reale e l'amministrazione Trump la sta concretamente considerando. Lo afferma la CNN, dopo aver ascoltato diverse fonti che hanno accesso ai piani del governo americano, tra i quali alti esponenti della sicurezza nazionale.

Secondo i "falchi" nello staff di sicurezza nazionale del presidente, una Corea del Nord divenuta piena potenza nucleare, rappresenterebbe un pericolo non solo in sé, ma anche per la usa capacità di proliferazione della tecnologia missilistica e nucleare. Pyongyang potrebbe vendere queste tecnologie come l'Iran, il Pakistan, la Libia, oltre che a gruppi terroristici non statali. Inoltre, c'è la minaccia che anche altre potenze della regione, per reagire al rischio nucleare nordcoreano, percorrano la via dell'armamento atomico destabilizzando la regione. In questo senso, secondo la CNN, si guarda con preoccupazione all'alleato Giappone. Insomma, le mosse nordcoreane sono valutate da Washington come un moltiplicatore della minaccia.

Un'eventuale azione militare avrebbe conseguenze importanti in termini di vite umane. Ma, secondo quanto ha spiegato il senatore Lindsey Graham, dal punto di vista di Trump, sarebbe un prezzo che varrebbe la pena di pagare "in termini di stabilità e sicurezza nazionale". Graham, secondo la CNN, valuta la probabilità che Donald Trump ordini l'attacco contro la Corea del Nord al 30 per cento. Nonostante il tentativo del presidente sudcoreano Moon Jae-in di aprire un dialogo con la Corea del Nord che prepari una soluzione pacifica alla crisi nucleare e missilistica nella Penisola, le posizioni tra Washington e Pyongyang sembrano ancora lontane.

Gli Usa continuano a mantenere la loro posizioni che qualsiasi negoziato si possa aprire solo previa una "completa, verificabile e irreversibile denuclearizzazione" della Corea del Nord. Questa precondizione, che è formalmente anche adottata da Seoul, non è presa in considerazione dal leader nordcoreano Kim Jong Un, che considera lo sviluppo di una deterrenza nucleare un'assicurazione sulla vita del regime. "Io sono del tutto convinto che il presidente Trump e il suo team respingano la politica del contenimento: hanno tirato una linea rossa e non permetteranno mai alla Corea del Nord di costruire un missile nucleare che minacci di colpire l'America", ha assicurato Graham al network americano.

La soluzione diplomatica, comunque, rimane la scelta prioritaria dell'amministrazione, secondo quanto hanno affermato diversi funzionari, i quali ricordano pure che esistono strumenti anche sotto copertura per rallentare o fermare lo sviluppo missilsitico della Corea del Nord. Ma anche questi strumenti, pur non essendo un vero e proprio attacco militare diretto, presentano un concreto rischio di escalation. Per esempio, un eventuale blocco navale è già stato definito da Pyongyang un "atto di guerra".

Com'è noto, l'amministrazione Trump sulla vicenda della Corea del Nord è divisa su una linea tra falchi e colombe che vede il consigliere di sicurezza nazionale H.R. McMaster tra i duri e il segretario di Stato Rex Tillerson con il segretario alla Difesa James Mattis a capo dei dialoganti. McMaster è dato in uscita, ma anche il fronte delle "colombe" ha perso un pezzo da 90: il delegato del presidente per la diplomazia con la Corea del Nord Joseph Yun.

Tags:
usadonald trumpattacco usa-nordcorea
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.