A- A+
Esteri
Condannata a 3 anni suora americana di 84 anni militante pacifista

Nel 2012 suor Megan Rice era riuscita a entrare nella centrale del Tennessee insieme ad altri due esponenti del gruppo pacifista "Transform Now Plowshares", rimanendo poi per due ore nel complesso prima di essere arrestata. In quel lasso di tempo, i tre avevano srotolato striscioni, scritto con bombolette spray messaggi come "lavora per la pace non per la guerra" e sparso sangue umano in un edificio usato per lo staccaggio e la lavorazione dell'uranio arricchito, utile a fabbricare bombe nucleari. L'incidente aveva indotto il Congresso a rivedere le norme di sicurezza delle centrali.

Suor Rice, in prigione già dallo scorso anno, quando venne riconosciuta la sua colpevolezza, ha pregato il giudice di infliggerle il massimo della pena prevista, ossia quattro anni. "Per favore, non abbiate indulgenza verso di me. Stare in prigione per il resto della mia vita è l'onore più grande che possiate farmi", ha detto la suora, citata dalla stampa.

Gli altri due attivisti sono stati condannati a cinque anni e due mesi di prigione alla luce dei loro precedenti penali.

 

Tags:
suorausa
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.