A- A+
Esteri

Il Dalai Lama ha fatto sapere che il suo successore potrebbe essere una donna, perche' il mondo e' in preda a "una crisi morale" di diseguaglianza e sofferenza e "le donne hanno una maggiore sensibilita' al benessere degli altri". "Se le circostanze sono tali che una donna e' piu' utile, automaticamente sara' una donna", ha affermato Tenzin Gyatso da Sydney, prima tappa di un tour di 10 giorni in Australia.

Il mondo ha bisogno di leader con maggiore sensibilita', ha spiegato ancora il 77enne leader spirituale tibetano, e "in questo senso, da un punto di vista biologico, le donne hanno maggiore potenziale". Poi il 14mo Dalai Lama ha aggiunto un ricordo personale: "Mio padre aveva un temperamento molto deciso, in qualche caso sono stato anche picchiato. Ma mia madre era cosi' meravigliosamente compassionevole".

Tags:
dalai lamadonna
in evidenza
"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"

Barbara D'Urso e la simpatia con...

"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Mercedes-Benz 320 del 1937 la prima ambulanza della Stella

Mercedes-Benz 320 del 1937 la prima ambulanza della Stella

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.