A- A+
Esteri
obama lp 500

"Possiamo e dobbiamo essere piu' trasparenti". Cosi' Barack Obama ha presentato il suo piano per la trasparenza in merito al programma di sorveglianza globale svelato al mondo da Edward Snowden. Il piano prevede, tra l'altro, l'istituzione di una task force sul programma di sorveglianza globale e la riforma del Patriot Act affinche' ci siano garanzie per la privacy dei cittadini nelle comunicazioni telefoniche.

Nella conferenza stampa a Washington Obama ha annunciato "misure per migliorare la trasparenza e ristabilire la fiducia" nei programmi di sorveglianza delle comunicazioni. Obama ha parlato di quattro punti principali, da portare avanti con il Congresso. I dati del National Security Agency saranno riordinati con il fine di salvaguardare la sicurezza e allo stesso la libertà.

Obama ha detto che il primo punto è riprendere la Section 215 del Patriot act, la legge più famosa della lotta al terrorismo post 11 settembre, e riformarla. Il governo non può spiare, ma deve proteggere. Trasparenza e protezione. Lancerà una task force per studiare la questione dei controlli di sorveglianza da parte della Nsa, contestati da tante organizzazioni a tutela dei diritti civili. "Non basta per me da presidente cancellare i programmi di controllo, ma bisogna recuperare la fiducia degli americani", ha detto. "Possiamo e dobbiamo essere più trasparenti".

Ma Edward Snowden, l'ex contractor della Nsa che ha rivelato al mondo l'esistenza di Prism, "non è stato un patriota e se è convinto di aver fatto la cosa giusta, come ogni americano può venire qui a difendersi in tribunale". "Però non c'è dubbio", ha continuato il presidente americano "che le sue rivelazioni abbiano spinto a una più rapida e intensa risposta circa il programma di sorveglianza globale".

Poi prevista la riforma del Foreign Intelligence Surveillance Court. Il tribunale dovrà garantire una voce, e una difesa, anche a chi rappresenta una minaccia per gli Usa. Insomma, sarà creata una sorta di garante per i cittadini. Obama ha promesso più trasparenza. Obama ha presentato il suo piano per la trasparenza in merito al programma di sorveglianza globale svelato al mondo da Edward Snowden. Il piano prevede, tra l'altro, la riforma del Patriot Act affinchè ci siano garanzie per la privacy dei cittadini nelle comunicazioni telefoniche.

Poi Obama si è aperto alle domande dei giornalisti. Ha ribadito le sue critiche alla legge russa che vieta la propaganda per le relazioni sessuali non tradizionali. Nel Paese è in vigore una legge contro la cosiddetta "propaganda gay". Ma il presidente ritiene che non sia appropriato boicottare le prossime Olimpiadi invernali in programma a Sochi, nel sud della Russia. Sarebbe bello "vedere atleti gay vincere delle medaglie a Sochi", ha detto. I rapporti con Putin. "Con la Russia è bene prendere una pausa e ricalibrare i nostri rapporti", ha dichiarato, aggiungendo di non avere nulla contro Vladimir Putin personalmente. "Con Putin c'è troppa retorica anti Stati Uniti, con Medvedev era meglio". Poi ha spiegato la scelta di cancellare il faccia a faccia con il presidente russo. "Non è solo per la vicenda Snowden - ha detto - non è strettamente punitivo", c'erano dissensi su diverse questioni, come Siria e Diritti Umani.

La scelta del presidente della Fed è una delle scelte economiche più importanti che il presidente americano Barack Obama deve assumere: "Ho una rosa di candidati fantastici". Come Lawrence Summers e Janet Yellen. Il presidente della Fed dovrà tener d'occhio l'inflazione, promuovere la crescita e concentrarsi sulla riduzione dell'inflazione: "Deciderò in autunno chi sarà".

Secondo Obama i network regionali di al-Qaeda rappresentano una minaccia ancora oggi: "Al-Qaeda e altri gruppi terroristici si sono de-statalizzati in gruppi regionali". A maggio "avevo detto che è diminuita la probabilità di attacchi sul nostro territorio", ma questi gruppi hanno comunque "il potenziale di destabilizzare e avere effetto un distruttivo in Paesi dove i meccanismi di sicurezza sono deboli", ha detto il presidente Usa rispondendo a una domanda sulle ultime minacce terroristiche e all'aumento degli attacchi di droni Usa in Yemen. Su questo specifico punto Obama ha detto: "Non parlerò di aspetti operativi". "È coerente dire - ha proseguito il numero uno della Casa Bianca - che questa organizzazione, prima centralizzata" si è spezzettata e questo ha "diminuito la sua capacità operativa", tuttavia "ci sono ancora cellule regionali, come al-Qaeda nella penisola Araba". Terrorismo. La priorità numero uno resta quella di portare i responsabili della strage di Bengasi dell'11 settembre 2012 davanti alla giustizia.

 

Tags:
obamapatriot actriforma
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.