A- A+
Esteri

In un'atmosfera relativamente festosa grazie all'inizio della ricorrenza di Eid al-Fitr, ma sfidando ancora una volta apertamente il nuovo regime, migliaia di sostenitori del deposto presidente egiziano Mohamed Morsi sono tornati oggi a marciare per le vie del Cairo in segno di protesta: destinazione finale comune ai diversi cortei, piazza Rabaa al-Adawiyah nel sobborgo nord-orientale di Nasser City, sede di una delle tendopoli allestite dagli islamisti fin dal colpo di stato del 3 luglio per inscenarvi sit-in a oltranza. La folla si e' quindi raccolta in preghiera per celebrare la festivita' che tradizionalmente suggella la conclusione del mese sacro del Ramadan. Poi ha preso parte all'ennesima manifestazione, malgrado solo ieri il premier ad interim Hazem el-Beblawi avesse ammonito che un intervento delle forze di sicurezza per forzarla a sgomberare non era piu' dilazionabile. A sorpresa, per la prima volta da cinque settimane, si e' ripresentata in pubblico Naglaa Mahmoud, moglie dell'ex presidente, salendo sul palco degli oratori per invocarne il rilascio. La sua improvvisa apparizione al fianco di Mohamed el-Beltagi, dirigente dei Fratelli Musulmani, ha scatenato l'entusiasmo della folla assiepata intorno all'omonima moschea. "Com'e' ovvio", ha esordito, "parlare per me e' molto difficile. Ad Allah piacendo, ritornera'", ha proseguito, alludendo a Morsi. "Ad Allah piacendo!". La risposta collettiva e' stata un frastuono: "Ritorno! Ritorno!". Dietro le quinte, comunque, in Egitto qualcosa starebbe cominciando a evolvere in senso positivo: fonti diplomatiche che hanno preso parte ai tentativi di riconciliazione avviati nei giorni scorsi da vari emissari stranieri, nel frattempo ripartiti, in via riservata hanno ipotizzato che Forze Armate e Fratelli Musulmani potrebbero rinunciare a uno scontro frontale e avviare colloqui, magari indiretti, per poi aprire negoziati. Negli ambienti politici si mormora che i militari in realta' non siano piu' tanto convinti dell'utilita' di una prova di forza contro i dimostranti: rischierebbero infatti le dimissioni da parte di Mohamed ElBaradei, attuale vice presidente che funge anche da super-rappresentante per l'estero delle nuove autorita'. Queste ultime perderebbero cosi' l'alleato piu' prezioso, l'unico in grado di conferire loro un minimo di credibilita' politica internazionale.

Tags:
egittomorsimoglie
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.