A- A+
Esteri
Esecuzione alla testa per 14 ragazzi. Così Al Qaeda si fa giustizia in Siria

Un video agghiacciante: l'esecuzione di 14 uomini in Siria per mano di un gruppo ancora più estremista di Al Qaeda. Il tutto dura 35 secondi. E' notte. I prigionieri, che sembrano ragazzini, sono stati bendati, legati e portati sul bordo di un pozzo. L'assassino punta la pistola alla nuca di ognuno e li fa fuori in successione.

Il video è stato dato alla CNN dai siriani attivisti che tentano di mostrare al mondo le atrocità commesse in Iraq e Siria dall'ISIS, il gruppo terroristico islamico che all'inizio combatteva sia il Presidente Bashar Al-Assad sia altre forze ribelli e L'Esercito Siriano Libero.

Il video è stato ritrovato ad Aleppo, nella casa di Abu Ahmed noto "amir," comandante, giudice e giustiziere dell'ISIS. I suoi metodi includono selvagge esecuzioni di massa, condannate dagli stessi capi di Al Qaeda. Ayman Al-Zawahiri ha infatti chiesto all'ISIS di lasciare la Siria.

Tags:
siriaal qaeda
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.