A- A+
Esteri
Etiopia, bombardata la fabbrica Mesfin Engineering nella regione del Tigray

"I sentimenti filo indipendentisti nel Tigray sono cresciuti a partire dal 2018, in concomitanza con l'inizio del processo di marginalizzazione del Tplf dalle stanze del potere federale. Nelle elezioni 2020 (ndr, quelle indette nel Tigray nonostante nel Paese fossero state rimandate per l’emergenza Covid e i cui risultati il governo centrale non riconosce), il Fronte vince con il 98 per cento dei voti. Va notato però che alle urne si presentarono partititi che sostenevano apertamente l’indipendenza. Un modo questo per il Fronte di dare visibilità estrema a tale richiesta politica, ponendosi al contempo come garante perché il Tigray restasse parte dell’Etiopia. Dopo il 4 novembre la corrente indipendentista in seno al Fronte riprende vigore. Non è utopico pensare che adesso, una parte del Tplf, veda possibile l’indipendenza del Tigray da Addis Abeba, ritenendo per questo necessario l’accesso al mare (ndr, verso la costa eritrea) o alla frontiera con il Sudan. Questo per evitare un isolamento geografico e politico”. Così spiega Luca Puddu, Università Federico II di Napoli, ad Affari Italiani. 

Dopo l’armistizio il Tplf riprende Mekelle. Mentre gran parte della stampa internazionale ne racconta la fiera vittoria, gli analisti e osservatori più attenti si chiedono il vero motivo della ritirata dell’esercito federale.  È una sconfitta? Una resa sotto forma di tregua? Hanno vinto i tigrini del Tplf? 

“Il ritiro dal Tigray”, spiega Puddu, “non è stato pianificato meticolosamente, ma fatto e comunicato dopo le elezioni, proprio perché era una scelta impopolare che sarebbe costata al premier in termini di consenso. I ribelli tigrini, d’altro canto, in questo modo hanno sfruttato il momento per prendere armamenti dell'esercito in rotta. Ciò ha posto le basi per la successiva controffensiva nella regione Amhara. Dietro il ritiro dell’esercito federale penso ci siano state le difficoltà a garantire gli approvvigionamenti per le truppe di stanza a Mekelle, la crisi economica del Paese e le forti pressioni internazionali. Oltre, naturalmente, alla pressione militare esercitata dal Tplf".

“Gli oppositori di Abiy”, aggiunge una fonte etiopica che per parlare chiede l’anonimato, “dicono che la ritirata è stata causata dal disastro militare subìto dall’esercito federale, che si tratta perciò di una vittoria tigrina. Non è così. Come farà il Tigray adesso? Come faranno i tigrini a dar da mangiare alla loro popolazione? Non c’è elettricità, mancano le linee telefoniche, senza il governo centrale alle spalle, come faranno a ricevere gli aiuti? Mekelle sarà una città morta perché il Tigray non è una regione autonoma economicamente”. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
addis adebaetiopiaetiopia addis abebaetiopia bombardamenti





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


in vetrina
Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo

Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.