A- A+
Esteri
Evacuato il quotidiano belga 'Le Soir', identificato sospetto

Le autorita' belghe hanno fatto evacuare la redazione del piu' diffuso quotidiano belga in francese, Le Soir, nel centro di Bruxelles dopo l'annuncio della presenza di una bomba da parte di un uomo che ha chiamato affermando di "non poterne piu'" della copertura data alla Strage di Parigi. La polizia ha identificato il sospetto, e si appresta ad arrestarlo: si chiama Thierry Carreyn, 53 anni, ex tipografo, noto alla giustizia per aver piazzato nel 1999 una bomba davanti alla sede del Partito di estrema destra Blocco Fiammingo Le Soir, che ha trasferito la redazione in un vicino albergo per far uscire comunque domani il giornale, aveva riferito che la chiamata e' stata ricevuta alle 14,30. La polizia e gli artificieri sono arrivati alle 15,15 nel grande edifico al 100 di Rue Royal. 

Tags:
evacuatole soirbelgio
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.