A- A+
Esteri
Francia, primo ok alla riforma delle pensioni. Macron sotto assedio: tensione

Il senato approva la riforma delle pensioni voluta da Macron. Grande tensione in Francia

La piazza si surriscalda in Francia. Sabato sera il Senato francese ha approvato la riforma profondamente impopolare del sistema pensionistico del Paese. Un via libera giunto poche ore dopo che i manifestanti erano scesi in corteo per opporsi al passaggio fondamentale del secondo mandato del presidente Emmanuel Macron. I senatori hanno approvato la riforma con 195 voti contro 112. Una commissione elaborerà ora una bozza finale che sarà poi sottoposta sia al Senato sia all'Assemblea nazionale per il voto finale. "Un passo importante è stato compiuto questa sera con un'ampia votazione sul testo della riforma delle pensioni al Senato", ha detto il primo ministro Elisabeth Borne all'Afp dopo il voto, aggiungendo di ritenere che il governo avesse una maggioranza parlamentare per far passare le riforme in legge. Se il governo di Macron non riuscisse a riunire la maggioranza necessaria, tuttavia, Borne potrebbe utilizzare uno strumento costituzionale raramente utilizzato e molto controverso, noto come articolo 49/3, per far passare la legislazione senza voto. I sindacati, che si sono ferocemente opposti alle misure, sabato speravano ancora di costringere Macron a fare marcia indietro, anche se le proteste della giornata contro la riforma sono state molto più contenute rispetto ad alcune precedenti.

"Questo è il tratto finale", ha detto sabato all'emittente Franceinfo Marylise Leon, vice leader del sindacato Cfdt. "La fine dei giochi è adesso". La tensione è divampata in serata, con la polizia di Parigi che ha affermato di aver effettuato 32 arresti dopo che alcuni manifestanti hanno lanciato oggetti contro le forze di sicurezza, con bidoni della spazzatura bruciati e finestre rotte.  Questa settimana Macron ha rifiutato due volte le chiamate urgenti dei sindacati per incontrarlo in un ultimo disperato tentativo di fargli cambiare idea. L'affronto ha fatto "arrabbiare molto" i sindacati, ha detto Philippe Martinez, capo del sindacato di estrema sinistra Cgt. "Quando ci sono milioni di persone nelle strade, quando ci sono scioperi e tutto ciò che otteniamo dall'altra parte è il silenzio, la gente si chiede: cos'altro dobbiamo fare per essere ascoltati?" ha detto, chiedendo un referendum sulla riforma delle pensioni. Il ministero dell'Interno ha detto che circa 368 mila persone si sono presentate a livello nazionale per le proteste, meno della metà degli 800 mila a un milione che la polizia aveva previsto.    

A Parigi, 48 mila persone hanno preso parte alle manifestazioni, rispetto alle previsioni della polizia di circa 100 mila. I sindacati, che stimano la cifra delle presenze a un milione, avevano sperato che l'affluenza alle urne sarebbe stata maggiore il sabato, quando la maggior parte delle persone non doveva prendersi una pausa dal lavoro per partecipare.

L'11 febbraio, sempre sabato, 963 mila persone hanno manifestato, secondo la polizia. Nell'ultimo grande giorno di sciopero e protesta di martedì, l'affluenza alle urne è stata di poco inferiore a 1,3 milioni di persone secondo la polizia e più di tre milioni secondo i sindacati. -    La misura principale della riforma è un aumento dell'età minima di pensionamento a 64 anni da 62, considerato da molti come ingiusto nei confronti di chi ha iniziato a lavorare da giovane. "Sono qui per lottare per i miei colleghi e per i nostri giovani", ha detto Claude Jeanvoine, 63 anni, macchinista in pensione che manifesta a Strasburgo, nella Francia orientale. "La gente non dovrebbe lasciare che il governo la faccia franca, si tratta del futuro dei loro figli e nipoti", ha detto ad Afp. Le riforme aumenterebbero anche il numero di anni di cui le persone hanno bisogno per versare i contributi per ricevere una pensione completa. I manifestanti affermano che anche le donne, in particolare le madri, sono svantaggiate dalle nuove riforme.    

"Se avessi saputo che sarebbe successo, non avrei smesso di lavorare per prendermi cura dei miei figli quando erano piccoli", ha detto Sophie Merle, una fornitrice di servizi per l'infanzia di 50 anni nella città meridionale di Marsiglia. Diversi settori dell'economia francese sono stati presi di mira da appelli sindacali per scioperi a tempo indeterminato, compresi i trasporti ferroviari e aerei, le centrali elettriche, i terminali di gas naturale e la raccolta dei rifiuti. Sabato a Parigi il transito urbano è stato poco interessato dai fermi, ad eccezione di alcune linee ferroviarie suburbane. Ma i rifiuti non raccolti hanno iniziato ad accumularsi in alcuni quartieri della capitale e le compagnie aeree hanno cancellato circa il 20% dei loro voli programmati negli aeroporti francesi.    

Un sondaggio d'opinione pubblicato sabato dall'emittente Bfmtv ha rilevato che il 63% dei francesi ha approvato le proteste contro la riforma e il 54% è stato anche a favore degli scioperi e dei blocchi in alcuni settori. Circa il 78 percento, tuttavia, ha affermato di ritenere che Macron avrebbe finito per far adottare la riforma. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
franciamacronpensioni





in evidenza
Atletica: Tamberi-Battocletti, doppio oro. Gimbo-show con Mattarella

Spettacolo agli Europei di Roma

Atletica: Tamberi-Battocletti, doppio oro. Gimbo-show con Mattarella


in vetrina
Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO


motori
Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.