A- A+
Esteri
putin

Non accenna a placarsi la tensione tra Russia e Paesi Bassi, scatenata un paio di settimane fa dall'arresto per errore dell'ambasciatore russo all'Aja, Dmitry Borodin. Anzi, si acuisce ulteriormente in seguito a due nuovi episodi ben poco ortodossi. Da un lato, il primo ministro olandese Mark Rutte ha messo in chiaro che non saranno presi provvedimenti nei confronti dei poliziotti all'origine dell'incidente diplomatico. Dall'altro, Mosca ha denunciato la violazione da parte di ignoti di un appartamento di proprieta' della sua rappresentanza, utilizzato come foresteria e situato all'interno di un condominio adiacente alla legazione.

Non si sa se i misteriosi estranei, dopo aver compiuto l'effrazione, abbiano asportato o meno oggetti di valore: dal ministero degli Esteri e' comunque partito immediatamente un aspro comunicato, in cui si sollecitano "le autorita' dell'Olanda ad adottare misure esaustive al fine d'individuare i colpevoli di tale reato". L'intrusione e' stata scoperta giovedì sera da un funzionario dell'ambasciata che abita nello stesso complesso, e che ritornando a casa dal lavoro ha notato come la porta dell'appartamento vicino al proprio, vuoto perche' il collega che lo occupa attualmente e' in ferie, fosse stata forzata. Cosi' ha dato l'allarme.

La palese irritazione dei russi, che gia' traspariva dal tenore della nota ministeriale, si e' esacerbata ancora di piu' quando hanno letto l'intervista rilasciata da Rutte al quotidiano 'De Telegraaf'. "Non e' previsto, e non succedera'", ha risposto il premier alla domanda su eventuali sanzioni disciplinari, o peggio, a carico degli agenti che presero Borodin in consegna, lo portarono in un commissariato e li' lo tennero una notte intera per interrogarlo, dopo una segnalazione su presunti maltrattamenti inflitti dal diplomatico ai due figli piccoli, poi risultata infondata.

Mosca aveva reclamato una punizione esemplare, e un congruo indennizzo per l'ambasciatore e la sua famiglia, ma "i fatti tali e quali sono stati esposti dalle forze dell'ordine non forniscono alcuna motivazione" per accogliere le richieste, ha tagliato corto il capo del governo. Appena ieri il portavoce del ministero degli Esteri russo, Alexander Lukashevich, aveva invece ammonito che "le scuse offerte dai Paesi Bassi per la violazione della Convenzione di Vienna sulle Immunita' Diplomatiche del 1961 non possono considerarsi come l'ultima parola su quanto accaduto".

La Russia, aveva aggiunto Lukashevich, "non puo' considerarsi soddisfatta, perche' ancora non e' stata data risposta alle domande-chiave formulate in precedenza". A complicare ancora di piu' la delicata situazione ci si sono messe el frattempo l'aggressione subita martedi' a Mosca dal numero due dell'ambasciata dei Paesi Bassi, e la stessa vicenda della 'Arctic Sunrise': il rompighiaccio battente bandiera olandese, assaltato il mese scorso dalle teste di cuoio russe dopo il tentativo da parte di un gruppo di attivisti di Greenpeace di abbordare una piattaforma petrolifera del colosso 'Gazprom' in pieno Artico, come protesta simbolica contro le trivellazioni in corso in un paradiso naturale sempre piu' a rischio. Rutte al giornale ha comunque confermato la visita nella Federazione da parte di re Gugliemo Alessandro, in programma a novembre per celebrare i quattrocento anni delle relazioni bilaterali. Il sovrano, ha puntualizzato, vedra' comunque il presidente Vladimir Putin, e nessuno di sogna di servirsene come mediatore.

Tags:
russiaolanda
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.