A- A+
Esteri
Gaza, libero il direttore dell'ospedale Shifa: polemiche in Israele
Benjamin Netanyahu Primo ministro di Israele

M.O.: libero direttore Shifa, polemiche in Israele

Il rilascio del direttore dell'ospedale al-Shifa a Gaza City, Muhammad Abu Salmiya, arrestato lo scorso novembre durante la prima operazione militare israeliana nel complesso medico, ha sollevato tensioni nel governo dello Stato ebraico. Le immagini del medico al suo arrivo a Gaza, accolto dai parenti, insieme ad altri 50 detenuti palestinesi scarcerati, hanno fatto il giro dei social, scatenando la rabbia del ministro della Sicurezza nazionale israeliano, Itamar Ben-Gvir, e mettendo sotto pressione il premier Benjamin Netanyahu, chiamato immediatamente in causa. Il leader dell'estrema destra ha denunciato su X il loro rilascio come "negligenza in materia di sicurezza", sostenendo che "e' giunto il momento che il premier impedisca a Yoav Gallant (il ministro della Difesa) e al capo dello Shin Bet di perseguire una politica indipendente contraria alla posizione del gabinetto".

Il capo del governo ha ordinato un'indagine, prendendo al contempo le distanze: la decisione in questione "fa seguito alle discussioni presso l'Alta Corte su una petizione contro la detenzione di prigionieri nel carcere di Sde Teiman" e "l'identita' dei prigionieri liberati viene determinata in modo indipendente dagli agenti di sicurezza sulla base delle loro considerazioni professionali", ha fatto sapere il suo ufficio. Anche Gallant ha sottolineato la sua estraneita' alla vicenda, ricordando che "le procedure per incarcerazione e rilascio dei prigionieri di sicurezza e' regolata dallo Shin Bet e dal servizio carcerario israeliano e non e' soggetta all'approvazione del ministro della Difesa". 

Lo Shin bet si e' difeso affermando di essere stata costretto a rilasciarlo a causa della mancanza di spazio nelle carceri israeliane. Abu Salmiya, come gli altri, sono stati scarcerati perche' si e' ritenuto che non fossero una minaccia significativa, soddisfacendo "tutti i requisiti riguardo al livello di pericolo rappresentato". L'agenzia ha anche ricordato gli allarmi lanciati piu' volte da un anno a questa parte "sulla crisi carceraria e sulla necessita' di aumentare il numero delle (celle)". "Sfortunatamente queste richieste che sono state inoltrate a tutte le parti interessate, primo fra tutti il ministro della Sicurezza nazionale, che ne e' responsabile, non sono state accolte", ha aggiunto, riferendosi a Ben-Gvir, tra i critici piu' feroci del rilascio di Abu-Salmiya, tanto da arrivare a dire in una chat di membri del gabinetto di governo che "e' giunto il momento di rimandare a casa il capo dello Shin Bet" Ronen Bar. Da tempo il ministro chiede un trattamento piu' duro per i detenuti e nel 2023 aveva gia' proposto una legge sulla pena di morte solo per i palestinesi. "Bisognerebbe sparare proiettili alla testa dei prigionieri, invece di dare loro piu' cibo", ha sostenuto ieri in un video diventato virale.

L'ex direttore del piu' grande ospedale di Gaza era stato arrestato il 23 novembre per essere interrogato sulle "attivita' terroristiche" di Hamas nella clinica, alla luce di prove sull'uso dell'ospedale da parte di Hamas come "centro di comando e controllo", avevano riferito allora le autorita' israeliane. Salmiya, subito dopo il rilascio, ha denunciato che i detenuti palestinesi nelle carceri israeliani stanno affrontando condizioni tragiche per la mancanza di cibo, acqua e l'uso della tortura. Il 21 giugno, Hamas ha invitato la comunita' internazionale a indagare sui casi di abusi nei centri di detenzione israeliani, in particolare a Sde Teiman, dove sono rinchiusi i palestinesi presi a Gaza, al centro della petizione presentata alla Corte Suprema da numerosi gruppi per i diritti umani israeliani.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.