A- A+
Esteri
Giappone, eseguite 3 condanne a morte. Non succedeva dal 2019
Kishida, primo ministro Giappone

Giappone, eseguite 3 condanne a morte nel paese: è la prima volta dal 2019 e da quando è in carica il premier Kishida

Il Giappone ha eseguito tre condanne a morte. Lo rendono noto i media locali citando fonti del ministero della Giustizia. E' la prima volta nel Paese dal dicembre 2019 ed e' la prima volta da quando e' in carica il primo ministro Fumio Kishida. Il ministero della Giustizia non ha confermato la notizia ne' sono state rese note le identita' dei prigionieri. Il Giappone e' uno dei pochi paesi industrializzati in cui ancora vige la pena capitale. Nel Paese sono in tutto 100 i condannati in attesa di esecuzione. Le ultime erano state registrate nel 2018 (15 di cui 13 dell'attacco alla metropolitana) e nel 2019 (3). Normalmente la pena di morte consiste nell'impiccaggione.

Commenti
    Tags:
    giapponegiappone condanna a morte





    in evidenza
    Affaritaliani.it cambia la proprietà: entrano Antelmi, Massa e Brave Capital

    Perrino resta direttore

    Affaritaliani.it cambia la proprietà: entrano Antelmi, Massa e Brave Capital

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

    Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.