A- A+
Esteri
Grecia, la sinistra tedesca: "Costerà 100 miliardi, come con la Ddr"

Bun­de­stag riu­nito in ses­sione straor­di­na­ria venerdì per votare il nuovo pac­chetto di aiuti finan­ziari alla Gre­cia. Secondo le pre­vi­sioni il pre­si­dente Nor­bert Lam­mert (Cdu) dovrebbe rati­fi­care senza troppe defe­zioni l’accordo di Bru­xel­les, dato che appare impos­si­bile che la Koa­li­tion possa essere messa in mino­ranza dalla sola oppo­si­zione della Linke.
 
L’alleanza rosso-nera - si legge su ilmanifesto.info - dun­que «terrà» (può con­tare su 504 seggi su 631), tut­ta­via il voto non liquida la pole­mica poli­tica né le bor­date dei Verdi comun­que già alli­neati all’asse Cdu-Spd.
 
«L’accordo con la Gre­cia ha distrutto L’Europa. Con Angela Mer­kel, Wol­fgang Schäu­ble e Sig­mar Gabriel nelle vesti di “Troika di Ber­lino” l’Unione non ha futuro» rias­sume Sara Wagen­k­ne­cht, eco­no­mi­sta, vice­pre­si­dente della Linke e moglie di Oskar Lafon­taine. Parla di «miliardi di euro spre­cati» e di una poli­tica fal­li­men­tare che mostra già il fiato corto: «Il nuovo piano di sal­va­tag­gio ser­virà solo a pagare vec­chi debiti con altri debiti e a soste­nere le ban­che di Atene. Con il pac­chetto di aiuti Grecia-3 (in Ger­ma­nia si chiama così, ndr) il rischio per il bilan­cio pub­blico supera i 100 miliardi. Non è solo la pro­se­cu­zione delle misure di auste­rità che hanno già con­dotto al declino, ma anche il fondo di pri­va­tiz­za­zione: una sorta di “ammi­ni­stra­zione fidu­cia­ria 2.0” che dete­riora altro denaro».
 
Quindi Wagen­k­ne­cht ricorda il default della Ddr e il caso del Treu­han­dan­stalt, l’ente che ha sven­duto gli asset comu­ni­sti ai tycoon capi­ta­li­sti: «Abbiamo già vis­suto l’esperienza dopo la riu­ni­fi­ca­zione: uno sper­pero del patri­mo­nio pub­blico. La nuova edi­zione, pro­prio come allora, pre­vede la ces­sione di beni pub­blici a van­tag­gio di ambienti eco­no­mici influenti e oli­gar­chi cor­rotti. L’ultima cosa di cui la Gre­cia ha biso­gno…».
 Da qui la posi­zione uffi­ciale del par­tito: nes­sun nuovo aiuto ma taglio sostan­ziale del vec­chi debiti. Men­tre già lunedì Bernd Rie­xin­ger, pre­si­dente della Linke (insieme a Katja Kip­ping) con­fi­dava alla stampa il pro­ba­bile voto con­tra­rio del gruppo al pac­chetto Grecia-3. «Non rie­sco a imma­gi­nare che la sini­stra sarà d’accordo con tale auste­rità». Ragio­na­mento ripreso e ampliato dal depu­tato Diet­mar Bar­tsch che cir­co­scrive il voto alla logica: «Chi nel refe­ren­dum era per il No agli aiuti della troika ora non può certo dire Sì».
 
Nel mirino dei Verdi, invece, più che l’accordo in sé che verrà comun­que votato — «il gruppo è d’accordo con una solu­zione soste­ni­bile di lungo periodo che aiuta non solo la Gre­cia ma tutta l’Europa» ha spie­gato la capo­gruppo Katrin Göring-Eckardt via Bild — c’è ancora il piano quin­quen­nale sulla Gre­xit «a tempo» del mini­stro delle finanze Schäu­ble, supe­rato dall’accordo con Tsi­pras ma tutt’altro che archi­viato a livello parlamentare.
 
«Il suo approc­cio non solo è inac­cet­ta­bile ma anche anti­co­sti­tu­zio­nale. Il governo ha omesso il pas­sag­gio della pro­po­sta al Bun­de­stag, ma non può dare seguito a deci­sioni di così vasta por­tata senza coin­vol­gere il Par­la­mento. Se Schäu­ble dovesse ripro­porre il piano ci rivol­ge­remo alla Corte costi­tu­zio­nale denun­ciando la vio­la­zione del diritto di infor­ma­zione dei depu­tati ai sensi dell’articolo 23 della Legge fon­da­men­tale (l’equivalente della Costi­tu­zione)» rias­sume Anton Hofrei­ter, co-presidente del gruppo ecologista.
 
Pro­prio come la Linke anche i Grü­nen pun­tano il dito sulle ine­vi­ta­bili con­se­guenze finan­zia­rie per le casse dello Stato, argo­mento che a Ber­lino fa ben più presa dei valori euro­pei: «La Gre­xit avrebbe con­se­guenze finan­zia­rie enormi sul bilan­cio fede­rale». Lunedì i Verdi ave­vano minac­ciato di chie­dere il voto di fidu­cia sul governo: «Per Frau Mer­kel sarebbe motivo di imba­razzo non otte­nere la mag­gio­ranza». Ipo­tesi non praticabile.
 
Appare deci­siva la mano­vra di riav­vi­ci­na­mento di Mer­kel ai «dis­si­denti» bava­resi della Csu, fino a ieri con­trari a nuovi aiuti al governo greco. Dopo un fre­ne­tico giro di con­sul­ta­zioni tele­fo­ni­che tra Ber­lino e Monaco, Horst See­ho­fer, capo­gruppo dei cristiano-sociali, si dichiara «molto sod­di­sfatto di quello che c’è in tavola» sve­lando la vera natura dell’accordo. «Sono con­tento del risul­tato: la can­cel­liera ha impo­sto misure note­voli e quindi ha il mio soste­gno». È il segno della pro­te­sta che rien­tra (circa 100 depu­tati Cdu-Csu ave­vano messo a ver­bale la contrarietà).
 
Com­pat­tati i social­de­mo­cra­tici: «Se il Par­la­mento greco in que­sti giorni adot­terà le riforme pro­messe sono fidu­cioso che il Bun­de­stag voterà a grande mag­gio­ranza» pro­no­stica Tho­mas Lud­wig Opper­mann, capo­gruppo Spd che segue le indi­ca­zioni del vice-cancelliere Sig­mar Gabriel.
 
Fuori, i tede­schi hanno già «votato» per sal­vare la Gre­cia. Almeno secondo il cam­pione del son­dag­gio Ard che regi­stra il 62% a favore dell’accordo e solo il 32% pro-Grexit. Anche se il 78% rimane con­vinto che il governo Tsi­pras non rispet­terà gli accordi.

Tags:
greciagermanialinkeddr
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.