A- A+
Esteri
Guerra contro l’Isis, un’Italia senza oneri e onori

di Ernesto Vergani

Sorprende che in Italia non ci sia scontro politico e i media silenzino la possibilità che l’Italia partecipi attivamente alla coalizione militare contro l’Isis. Gli aerei britannici hanno iniziato a bombardare in Siria, dopo che il premier David Cameron ha ottenuto il via libera ai Comuni. La Germania ha inviato tornado da ricognizione e dovrebbe spedire truppe di terra. Forze speciali Usa arriveranno. Già Francia, colpita al cuore dall’Isis il 13 novembre, e Russia sono impegnate. Persino Belgio e Olanda.

L’Italia si tiene fuori sostenendo che prima vuol sapere che cosa succederà dopo. Che non bisogna ripetere quanto accaduto con l’eliminazione di Gheddafi nel 2001, che ha determinato l’attuale situazione di anarchia. La giustificazione non è (incredibilmente) quella buonista, del dialogo e dell’arricchimento reciproco tra culture diverse. Ragionamento che non regge di fronte a chi si arroga il diritto di tagliare teste, uccidere a mitragliate nelle capitali occidentali, usare donne come schiave sessuali, volere islamizzare e annientare la civiltà democratica occidentale. Forse l’Italia non ha chiaro che le conferenze di pace si fanno dopo, non prima delle guerre.

Di fronte a Hitler e all’orrore dell’olocausto, l’occidente si coalizzò e passò in secondo piano quale sarebbe stato il futuro. E non è un caso che la Germania si mobiliti di fronte a un mostro come l’Isis, che ha analogie col suo passato (Hitler). Nella storia d’Italia attendismo e tatticismo in prossimità delle guerre non hanno mai pagato e non pagheranno neanche questa volta. Essere autorevoli in politica estera significa essere parte delle grandi coalizioni. Facile imitare Usa e Regno Unito solo nelle scelte economiche liberiste. Se la causa dell’astensionismo è la paura di subire attentati e di non essere pronti a difendersi sul territorio, è un altro discorso. Essere un grande paese in politica estera significa avere onori e oneri.

Tags:
isis
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.