A- A+
Esteri

Dodici autobombe sono esplose in Iraq nelle prime ore della giornata; almeno 44 le vittime, in aree abitate soprattutto da sciiti. Lunga la scia di sangue: almeno 10 le vittime di due autobombe esplose nei pressi di una fermata d'autobus, nella citta di Kut, 150km a sud di Baghdad; altre 4 sono morte in un'esplosione a Mahmoudiya, a una trentina di chilometri da Baghdad; le restanti sono esplose in vari quartieri della capitale, Sadr city, Habibiya, Hurriya, Bayaa, Ur, Shurta, Kadhimiya e Risala. La violenza solleva il timore di un ritorno a una vera e propria guerra in un Paese dove curdi e musulmani sciiti e sunniti ancora non hanno trovato una soluzione stabile di condivisione del potere.

Negli ultimi mesi, gli estremisti sunniti hanno riguadagnato slancio nella loro insurrezione contro il governo guidata dagli sciiti e sono scesi in campo con una violenza che non si vedeva da anni; solo nel mese di luglio, sono morte piu' di 810 persone in attacchi estremistici; e dall'inizio dell'anno, secondo cifre non ufficiali, sono morte oltre 3mila persone in attentati a sfondo confessionale che sono ulteriormente incentivati dalla guerra civile in corso in Siria.

Tags:
iraq
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.