A- A+
Esteri
Jean-Pierre Jouyet nominato segretario generale dell'Eliseo

Jean-Pierre Jouyet e Hollande erano compagni all’università ENA e potrebbero essere insieme all'Eliseo. Il presidente infatti lo nominerà come segretario generale dell'Eliseo mercoledì prossimo. Il capo dello Stato non lo vuole penalizzare nonostante il suo servizio nel quinquennio Sarkozy dal 2007 al 2008, come Segretario di Stato per gli affari europei.

Intanto il governo del nuovo primo ministro francese, Manuel Valls, ha ottenuto la fiducia dell'Assemblea nazionale, con 306 voti a favore e 239 contrari. E' stato un debutto in crescendo per Valls, che si e' presentato in Parlamento per illustrare le linee guida del suo esecutivo e ottenere l'investitura ufficiale. Davanti ai deputati, il leader chiamato a risollevare le sorti del partito socialista dopo la debacle delle amministrative, ha promesso di "aprire un nuovo capitolo" con tagli alla spesa e al costo del lavoro, nel tentativo di ridare fiato all'economia e rafforzare crescita, competitivita' e potere d'acquisto dei consumatori.

"C'e' troppa sofferenza e non abbastanza speranza", ha riconosciuto il 51enne Valls, che punta a mettere in campo misure per tagliare il costo del lavoro per 30 miliardi di euro entro il 2016, nella convinzione che "sostenere le imprese e' sostenere lavoro, investimenti ed esportazioni". C'e' posto anche per i consumatori nel nuovo orizzonte dell'esecutivo, ha aggiunto il premier, che ne ha promesso di aumentare il potere d'acquisto riducendo le imposte sui redditi per i lavoratori con salari minimi e le tasse per le famiglie modeste, per un totale di 5 miliardi di euro. Nel mirino finisce pero' l'alto costo del denaro, con un euro che si e' rivalutato del 10% rispetto all'estate del 2012. Tra le vittime, anche le regioni che, con un annuncio a sorpresa, verranno dimezzate entro il 2017 dalle attuali 27.

Non e' mancato un messaggio diretto a Bruxelles, con la conferma di tagli al bilancio per 50 miliardi di euro entro il 2017, inclusi 19 miliardi da tagli alla spesa, 10 miliardi dall'assicurazione sanitaria e 10 miliardi dai governi locali, senza tuttavia specificare da dove prendera' il resto. D'altra parte, "dobbiamo rimettere in ordine le finanze pubbliche ma non distruggendo il nostro modello sociale o i servizi pubblici", ha assicurato Valls, dicendosi "rispettoso verso gli impegni, la responsabilita' di bilancio, ma non l'austerita'". "Lo spiegheremo ai nostri partner europei", ha aggiunto. Un chiaro segnale per ingraziarsi la sinistra del partito e i Verdi che non vedono di buon occhio l'ex ministro dell'Interno. Nonostante gli appelli a misure piu' incisive a favore dei lavoratori, i dissenzienti all'interno del partito avevano fatto sapere che non avrebbero messo a rischio il governo, votando contro. Stessa linea d'azione da parte dei Verdi che, nonostante il rifiuto di partecipare al nuovo esecutivo, in maggioranza avevano assicurato che avrebbero votato la fiducia. I socialisti possono contare su 291 seggi su 577.

Tags:
jean-pierre jouyeteliseo
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.