A- A+
Esteri
L' Australia autorizza l'uso dell'Ecstasy a scopo terapeutico

L'Australia ha autorizzato l'uso medico di Ecstasy e psilocibina (sostanza contenuta nei funghi allucinogeni)

Da luglio sarà consentito l'uso dell'Ecstasy per il trattamento del disturbo post-traumatico da stress e della psilocibina, sostanza contenuta nei funghi allucinogeni, per la cura della depressione resistente ad altre terapie

La Therapeutic Goods Administration (Tga) di Canberra ha annunciato che dal prossimo luglio psichiatri con un'autorizzazione apposita potranno prescrivere l'Ecstasy per la cura del disturbo post-traumatico da stress e la psilocibina per il trattamento della depressione resistente ad altre terapie.

L'Australia diventa così il primo paese al mondo ad autorizzare l'utilizzo medico di due sostanze con una lunga storia di sperimentazione clinica. La loro prescrizione sarà però limitata e resterà vietato servirsene al di fuori dei protocolli medici previsti. 

L'ecstasy era stata sviluppata come soppressore dell'appetito nel 1912 e negli anni '70 iniziò a trovare applicazioni terapeutiche nella psichiatria, in particolare negli Stati Uniti. L'esplosione, negli anni '80, dell'uso ricreativo dell'Ecstasy condusse però alla proibizione, che in Australia fu sancita nel 1987. 

Secondo David Caldicott, docente di medicina d'urgenza presso l'Australian National University, è diventato "chiarissimo" che una fornitura controllata di Mdma o psilocibina "può avere effetti notevolissimi su condizioni spesso considerate refrattarie al trattamento. Inoltre, "oltre a un beneficio terapeutico chiaro e in continua evoluzione, offre anche la possibilità di recuperare decenni di opportunità perdute di approfondimento del funzionamento interno della mente umana", percorso abbandonato "per così tanto tempo nel quadro di una guerra alla droga ideologica e mal concepita".

La neuropsicologa cognitiva Susan Rossell, del Center for Mental Health di Swinburne, si approccia invece alla decisione con "un notevole grado di cautela" e sostiene siano necessarie ulteriori ricerche. "Non abbiamo alcun dato sui risultati a lungo termine, quindi questo mi preoccupa molto, ed è uno dei motivi per cui sto estendendo così tanto il mio studio", ha dichiarato al quotidiano britannico Rossell, responsabile della maggiore ricerca mai svolta in Australia sull'efficacia della psilocibina nel trattamento della depressione. Prudenza riconosciuta dal Tga, la quale ha avvertito che "i pazienti possono essere vulnerabili durante la psicoterapia assistita da sostanze psichedeliche" e occorrono quindi "controlli per proteggerli".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
australiaautorizzazioneecstasy terapeutica





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.